Photography Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren
Photographyphotography

Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren

-
Claudia Fuggetti
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al

Tabitha Soren è un’ex corrispondente di MTV e artista visiva che racconta i media e la società attraverso un approccio visuale innovativo. Surface Tension è il nome della sua mostra personale presso il Davis Museum al Wellesley College, in Massachusetts.

Si tratta di fotografie elaborate con un approccio mixed media che esplorano la potenza visiva delle impronte digitali e delle macchie lasciate sui telefoni cellulari. L’artista si è servita dei grandi formati per catturare schermi iPad con una luminosità a contrasto, per svelare i residui umani sul dispositivo tecnologico. Come Tabitha racconta:

“One of things about the work is that there is a painterly quality to the images, which is really surprising. The way these greasy fingerprint smears create a painterly effect is aesthetically beguiling. When you look, for example, at the Lake Tahoe wildfires, it’s highly color saturated”.

La sua indagine svela il rapporto, ormai indissolubile, tra uomo e tecnologia. Se i suoi artworks ti hanno incuriosito puoi visitare il suo sito web qui.

Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Surface Tension, impronte digitali nella mostra di Tabitha Soren | Collater.al
Photographyphotography
Scritto da Claudia Fuggetti
x
Ascolta su