Style Vinted ha rivoluzionato i nostri armadi
Stylesecond-handvintagevinted

Vinted ha rivoluzionato i nostri armadi

-
Anna Frattini

Gli online marketplace di moda second-hand sono ormai entrati nella nostra quotidianità. Vinted, leader di mercato, è una delle app dove gli appassionati di abiti e accessori di moda pre-loved passano gran parte del loro tempo. L’offerta è vastissima e mettere in vendita i vestiti di cui ci vogliamo liberare è facilissimo e divertente. Tanto da diventare un fenomeno nella pop culture. Ad oggi, si apre una nuova era per Vinted che beneficerà dell’esperienza nel settore del lusso di seconda mano e della competenza nella verifica degli articoli di Rebelle, il marketplace tedesco.

Vinted nella pop culture

Se su Instagram non siete mai capitati su @dmdrama (un tempo @depopdrama) questa è l’occasione giusta per farlo. Ora principalmente popolato da svariate testimonianze esilaranti degli user di Vinted, un tempo era dedicata a Depop e alle disgrazie degli utenti sulla piattaforma di second-hand inglese. La versione italiana, @nelfrattemposuvinted_ è ancora più divertente.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da DM Drama (@dmdrama)

D’altronde, anche su TikTok sono moltissimi i profili che propongono qualche dritta per trovare il corrispettivo del proprio stile su Vinted. Una vera e propria community che si scambia nomi utente nei commenti instaurando una rete di compra vendita valida basata sulla condivisione. Ma non solo, una delle nostre categorie preferite è sicuramente quella dei best finds. «Il pezzo più interessante che ho scovato su Vinted sono un paio di ballerine di Prada alla modica cifra di 20€, un grandissimo affare» ci racconta Giordana.

@pilvelyte I was lucky this time haha #vintedfinds #vintedhaul #vinted ♬ original sound – Dove ☆

Chi usa Vinted?

Parte integrante dell’ecosistema Vinted sono gli user; oltre 11 milioni solo in Italia. E insieme a questo troviamo anche la grande varietà di item in vendita. Proprio per questa ragione, molti degli utenti sulla piattaforma fanno del proprio stile personale il loro punto di forza. L’aesthetic curata di alcuni profili rende l’esperienza in app divertente tanto quanto la ricerca di pezzi unici anche in vendita da utenti meno attivi sulla piattaforma. Ma per alcuni la vendita su Vinted è molto più di un bell’affare: i vintage lovers la considerano un’occasione per raccogliere informazioni o scovare vecchie chicche o ancora marchi che ora non si trovano più in giro. «Vinted è il posto giusto per ricercare e trovare brand da tempo dimenticati o sconosciuti che possono arricchire i nostri armadi» ammette Elena Sofia, user sull’app da tempo. A ogni modo, questo non è un affare solo per donne. «[…] su Vinted ci sono moltissime occasioni che mi permettono anche di evitare gli sprechi» ci dice Cristiano, fortunato acquirente di una giacca in pelle Avirex risalente agli anni ’90, «un pezzo che amo e che è diventato una delle mie giacche preferite» conclude.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Vinted (@vinted)

Cosa cambierà su Vinted?

A partire dal 19 febbraio, gli utenti Rebelle riceveranno un invito che avvierà un processo di migrazione atto a spostare i propri annunci, le preferenze di brand e di taglia insieme agli articoli inseriti nella wishlist su un account Vinted. La mossa congiunta consoliderà le proposte second-hand di entrambe le piattaforme in un unico marketplace a marchio Vinted, favorendo la crescita e l’innovazione della moda di lusso di seconda mano.

Stylesecond-handvintagevinted
Scritto da Anna Frattini
x
Ascolta su