After Lights Out, il mondo al buio di Julien Mauve

avatar
08 febbraio 2018

Il fotografo Julien Mauve racconta con le sue fotografie di una realtà in cui è la luce, e non il buio, ad essere l'eccezione.

Tra le più note paure c’è, nell’infanzia di ognuno di noi, quella del buio. Partivano grandi trattazioni con i miei genitori per tenere la luce del mio comodino accesa il più a lungo possibile prima di addormentarmi. La spuntavano sempre loro con la scusa delle bollette da pagare.

Eppure il concetto di buio, di assenza di luce è quasi impossibile da raggiungere in tempi odierni se non provando ad allontanarsi per chilometri e chilometri lontano dalla civiltà, in quei luoghi dove puoi affidarti alla luna e alle stelle.

Per questo motivo il fotografo Julien Mauve ha creato una serie fotografica, andata avanti dal 2013 al 2017, con il nome di After Lights Out, per raccontare una nuova realtà in cui non è più l’oscurità ad essere l’eccezione, ma la luce.

Sovvertendo le regole non dette/scritte della nostra vita contemporanea, la luce è un elemento isolato, un dettaglio nella composizione fotografica.

Una riflessione che non farà di certo felici i fobici del buio.

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share