Akira: la sinossi del live-action prodotto da Leonardo DiCaprio

avatar
8 Aprile 2019

Akira è il live-action prodotto da Leonardo DiCaprio e diretto da Taika Waititi: ecco la sinossi del film ispirato ai manga di Katsuhiro Otama.

È stata diffusa da poco la sinossi del live-action movie dedicato al manga Akira. Il film, prodotto da Leonardo DiCaprio e diretto dal regista Taika Waititi, è basato sulla serie manga scritta e illustrata da Katsuhiro Otama, ambientata in una Tokyo post-apocalittica del 2060.

Il live-action movie prodotto da Leonardo DiCaprio vede la storia spostarsi dall’Oriente verso una Nuova Manhattan ricostruita, dove il capo di una gang di motociclisti salva il suo amico da un esperimento medico.

Ecco la sinossi che è trapelata da Production Weekly:

“Quando la telecinesi di un giovane uomo viene scoperta dai militari, viene preso per essere trasformato in una super arma e suo fratello deve correre per salvarlo prima che Manhattan venga distrutta dai suoi poteri. Kaneda gestisce un bar a Neo-Manhattan. La sua vita verrà sconvolta dopo che il fratello Tetsuo verrà rapito dagli agenti del Governo, guidati dal Colonnello. Kaneda si unirà perciò a Ky Reed, ed al suo gruppo clandestino che ha intenzione di rivelare al mondo ciò che è accaduto a New York trent’anni prima, quando è stata devastata. Kaneda crede che le loro teorie siano ridicole, ma quando si renderà conto di ciò di cui è capace il fratello rimarrà completamente scioccato. Ky crede che Tetsuo abbia il compito di liberare un giovane, Akira, che nel frattempo ha preso il controllo della mente di Tetsuo. Kaneda perciò si scontrerà con le truppe del Colonnello per impedire che Tetsuo liberi Akira, ma arriverà troppo tardi. Akira esce fuori dalla prigione, e Kaneda dovrà impedire che il ragazzo distrugga nuovamente Manhattan, così come ha fatto trent’anni prima”.

Akira: la sinossi del live-action prodotto da Leonardo DiCaprio | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share