Alphabetti Spaghetti, le cassette postali annodate di Alex Chinneck

avatar
30 Settembre 2019

L’artista e scultore britannico Alex Chinneck torna a distorcere la realtà con il progetto Alphabetti Spaghetti. Scopri come qui sotto!

Per le strade del Regno Unito ci sono oltre 115.500 cassette delle lettere, tutte di quell’inconfondibile rosso acceso e tutte della stessa forma. È la Royal Mail, la più importante azienda postale inglese, che controlla il design delle cassette, che raramente viene cambiato. L’artista britannico Alex Chinneck, di cui avevamo parlato in occasione della sua installazione realizzata per la Milano Design Week, è riuscito nell’impresa quasi impossibile di distorcere letteralmente alcune “post boxes” con il progetto Alphabetti Spaghetti.

In pratica l’artista ha realizzato della cassette delle lettere che si attorcigliano su loro stesse.

Tutte si trovano in luoghi scelti accuratamente dall’artista, luoghi che hanno un’importanza significativa per a carriera di Alex Chinneck. La prima scultura si trova a Londra, dove Alex aveva realizzato, nel 2012, la sua prima opera d’arte pubblica, la seconda si trova Margate, nel Kent e l’ultima a Tinsley nello Sheffield. Sfortunatamente quest’ultima è stata smantellata ieri, 29 settembre, ma fortunatamente quella londinese rimarrà permanentemente in Caxton Street e quella a Margate sarà visibile fino al 12 gennaio 2020. 

Scopri le sculture del progetto Alphabetti Spaghetti qui sotto. 

Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al
Alphabetti Spaghetti Alex Chinneck | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share