Photography Andrés Juan Suarez racconta San Giovanni di Galermo
Photographyreportage

Andrés Juan Suarez racconta San Giovanni di Galermo

-
Anna Frattini

Andrés Juan Suarez ha passato un mese a San Giovanni di Galermo insieme a Manuel, in arte Zooka, un rapper catanese che vive da sempre nel quartiere popolare della periferia nord-ovest di Catania. Le fotografie di Suarez le abbiamo già viste molte volte e ne abbiamo scritto anche qui ma in questo progetto – San Giovanni 142 – quello che ci ha colpiti dei suoi scatti è la forza narrativa che emerge raccontando il rapporto con la musica di Zooka. C’è tutto: riscatto sociale, passione e legami familiari insieme a un fortissimo senso di appartenenza. Il racconto di Andrés Juan Suarez – anche lui catanese – si esplicita grazie al suo linguaggio street fortemente documentaristico che traccia un ritratto oculato di San Giovanni Galermo.

Le atmosfere di San Giovanni 142

La serie parte dal racconto del quartiere, i palazzi, gli animali – cani e cavalli – fino all’arrivo in casa di Zooka. Le atmosfere non sono cupe ma mostrano un luogo sì popolare ma pieno di speranza dove c’è spazio anche per la musica. Zooka inizia il suo percorso artistico proprio fra questi palazzi, scrivendo su carta e mostrandone i risultati a Suarez. Ci sono anche le suggestioni familiari che rendono questa serie ancora molto più profonda di un semplice racconto di quartiere.

La storia di San Giovanni di Galermo

San Giovanni di Galermo vanta origini antichissime, risalenti addirittura alle domus romane e si dice che la patrona della città – Sant’Agata – sia nata o abbia vissuto proprio in quelle zone. La costruzione di alloggi popolari, invece, avviene a partire del secondo dopoguerra quando molti residenti catanesi decidono di spostarsi e di occupare gli appartamenti di San Giovanni Galermo. Ad oggi, il quartiere ospita la più grande piazza di spaccio dell’hinterland catanese – sopratutto in Via Capo Passero, dove abita Zooka – e in Via Ustica. Le immagini di Andrés Juan Suarez invece raccontano un altro lato – più umano e allo stesso tempo vero – di questa zona attraverso l’esperienza di un ragazzo che insegue il sogno della musica.

ph. courtesy Andrés Juan Suarez

Photographyreportage
Scritto da Anna Frattini
x
Ascolta su