City Climbers

City Climbers

Lucael · 5 anni fa · Photography

UNOTRE ha intervistato (e fotografato con una Canon EOS M3) 4 personaggi che stanno “in alto” per farsi raccontare il loro punto di vista “sopraelevato” sulla città.

I personaggi in questione sono Michele un collezionista e king reseller, Alberto un ex designer che ha messo in piedi un’agenzia che commercializza oggetti di artigianato made in Italy e i SÄMEN aka Ludovico e Sami, una coppia di video maker pesissimi. Quello che li accomuna è vivere in alto. Hanno scelto, infatti, l’ultimo piano, l’attico, il piano sopraelevato (quello che quando prendi l’ascensore poi devi fare comunque un piano a piedi) per mettere in atto la loro passione e per lavorare ai propri sogni.

I ragazzi di UNOTRE insieme a Piotr Niepsuj si sono affacciati dai piani alti per vedere da lassù che aria tira. A questo link potete vedere la loro intervista completa ma occhio a non sporgervi troppo.

Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3
Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3
Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3
Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3
Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3
Intervista a 3 City Climbers e foto scattate con Canon EOS M3

City Climbers
Photography
City Climbers
City Climbers
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Café Art

Café Art

Collater.al Contributors · 4 anni fa · Photography

Si chiama Café Art, ed è una meravigliosa iniziativa che ha come scopo quello di consentire ai senzatetto di esprimersi attraverso la fotografia.

(altro…)

Café Art
Photography
Café Art
Café Art
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Open Fields, il progetto fotografico di Guillaume Amat

Open Fields, il progetto fotografico di Guillaume Amat

Buddy · 4 anni fa · Photography

Open Fields è un progetto del fotografo francese Guillaume Amat con cui l’artista crea una nuova prospettiva, sfumando i confini tra realtà e rappresentazione.

Amat ha attraversato il suo paese con uno specchio 80×120 cm. Collocato all’interno dei suoi scatti lo specchio si trasforma in strumento di ricostruzione del paesaggio, un ponte tra campo e controcampo, creando una doppia lettura dell’immagine.

Lo spazio si frammenta creando nuove percezioni. Paesaggi da sogno in cui gli edifici e le figure galleggiano nel centro del quadro.

Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields
Guillaume Amat - Open Fields

Open Fields, il progetto fotografico di Guillaume Amat
Photography
Open Fields, il progetto fotografico di Guillaume Amat
Open Fields, il progetto fotografico di Guillaume Amat
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Liisa Luts – Il giorno del matrimonio, la prospettiva della sposa

Liisa Luts – Il giorno del matrimonio, la prospettiva della sposa

Aurora Alma Bartiromo · 4 anni fa · Photography

Poche cose mi terrorizzano come l’idea che le foto dei momenti più “importanti” della vita, o forse meglio dire più ufficiali, siano realizzate da qualcuno che dia importanza alla tecnica e alla tradizione e non alle emozioni o ai miei abbinamenti di colore preferiti.

(altro…)

Liisa Luts – Il giorno del matrimonio, la prospettiva della sposa
Photography
Liisa Luts – Il giorno del matrimonio, la prospettiva della sposa
Liisa Luts – Il giorno del matrimonio, la prospettiva della sposa
1 · 24
2 · 24
3 · 24
4 · 24
5 · 24
6 · 24
7 · 24
8 · 24
9 · 24
10 · 24
11 · 24
12 · 24
13 · 24
14 · 24
15 · 24
16 · 24
17 · 24
18 · 24
19 · 24
20 · 24
21 · 24
22 · 24
23 · 24
24 · 24
Julia Kozerski – Half

Julia Kozerski – Half

Nastasia Felici · 4 anni fa · Photography

No, non c’è distinzione tra le tue cosce e il tuo cervello. Il tuo corpo sei tu. E quando perdi peso perdi un pezzo di quello che sei stato. Buono o brutto che sia, quel pezzo se ne va e ti abbandona, ti lascia lì con il resto di te e devi farci i conti.

(altro…)

Julia Kozerski – Half
Photography
Julia Kozerski – Half
Julia Kozerski – Half
1 · 20
2 · 20
3 · 20
4 · 20
5 · 20
6 · 20
7 · 20
8 · 20
9 · 20
10 · 20
11 · 20
12 · 20
13 · 20
14 · 20
15 · 20
16 · 20
17 · 20
18 · 20
19 · 20
20 · 20