Atomic Overlook, le esplosioni di Clay Lipsky

Elena Fortunati · 6 anni fa

Clay Lipsky, figlio degli anni 80 e della Guerra Fredda, cittadino di LA e spettatore delle avventure di James Bond, qualche anno fa ha pubblicato un lavoro che è il frutto di tutto questo: Atomic Overlook.

I soggetti di questo progetto sono i turisti. Gli stessi ritratti nelle cartoline anni ’50. Con la loro posa di spalle, con lo sguardo rivolto verso il panorama, a volte con le telecamere tra le mani, altre con il braccio intorno all’amata. Ma in tutto questo cliché vacanziero c’è qualcosa che il nostro occhio nell’osservare trova anormale.

Impressionato fin da bambino dalle immagini storiche della seconda guerra mondiale, Lipsky infondo a tutti questi panorami pone una bomba atomica mentre la gente sta ferma lì a guardare. La violenza dell’esplosione come spettacolo da ammirare. I rimandi e le accuse implicite in questi scatti sono innumerevoli:  Reagan e Gorbaciov, i test nucleari in Nevada, la costante minaccia della tecnologia nucleare.

Secondo Clay i turisti sono soliti osservare tutto, anche ciò che è mediocre e noioso. Lui adesso gli ha dato sicuramente qualcosa di diverso da ammirare.

Atomic Overlook, le esplosioni di Clay Lipsky
Photography
Atomic Overlook, le esplosioni di Clay Lipsky
Atomic Overlook, le esplosioni di Clay Lipsky
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13