Cocoon Cottage, una casa da sogno negli Hamptons

Cocoon Cottage, una casa da sogno negli Hamptons

Giulia Guido · 2 mesi fa · Design

Nina Edwards Anker è un architetto, scrittrice, professoressa, designer e direttrice del Nea Studio. Tra i suoi progetti spicca quello della sua casa privata negli Hamptons, il Cocoon Cottage, un’abitazione in cui convivono due anime e due stili. 

La casa ha una pianta a L con gli angoli arrotondati e la parte concava, ovvero quella esterna si affaccia a nord, mentre a parte convessa, ovvero quella interna si affaccia, oltre che sul giardino, a sud. 

La facciata esterna è interamente rivestita di standole di cedro, conferendo alla casa un aspetto intimo e privato, al contrario della facciata interna, che è formata completamente da una vetrata che permette di sfruttare a pieno tutte le ore di luce. Inoltre, i raggi del sole entrano anche attraverso un lucernario formato da vetrate colorate che vanno dal giallo, sopra il soggiorno, per arrivare al rosso, sopra alla camera da letto. Le nuance scelte si rifanno alla teoria del colore di Goethe, adottata anche dal pittore William Turner nei suoi dipinti. 

All’interno si ritrovano le pareti e il soffitto arrotondati che danno l’impressione di avvolgere le persone all’interno e l’arredo e i colori sono stati scelti tutti su toni chiari, per aprire otticamente ancora di più lo spazio. 

nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
nina edwards anker cocoon cottage nea studio | Collater.al
Cocoon Cottage, una casa da sogno negli Hamptons
Design
Cocoon Cottage, una casa da sogno negli Hamptons
Cocoon Cottage, una casa da sogno negli Hamptons
1 · 25
2 · 25
3 · 25
4 · 25
5 · 25
6 · 25
7 · 25
8 · 25
9 · 25
10 · 25
11 · 25
12 · 25
13 · 25
14 · 25
15 · 25
16 · 25
17 · 25
18 · 25
19 · 25
20 · 25
21 · 25
22 · 25
23 · 25
24 · 25
25 · 25
Project Ö, il sogno autosufficiente di Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki

Project Ö, il sogno autosufficiente di Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki

Giulia Guido · 2 mesi fa · Design

Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki sono una coppia di designer finlandesi che, con il loro progetto chiamato Project Ö, hanno dato vita a un piccolo paradiso autosufficiente. Sulla loro isola situata ai margini del Parco Nazionale dell’Arcipelago finlandese, la coppia ha costruito un’abitazione, formata da due strutture, completamente autonoma. Posizionata su una piattaforma in legno, la casa, oltre a ospitare i normali spazi abitativi come le camere, il bagno, la cucina e il salotto, comprende anche una sauna e un laboratorio e può ospitare fino a 10 persone.  

Vista la posizione dell’abitazione, la struttura il legno è intervallata da enormi vetrate che permettono di avere una visuale quasi di 180° sul mare da una parte e sull’interno dell’isola dall’altra. 

Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki hanno voluto dare agli spazi esterni la stessa importanza di quelli interni, creando dei porticati intorno alle due strutture e creando degli spazi coperti al centro di ciascuna struttura, che permettono di trascorrere all’aperto le sere d’estate e avere sempre la possibilità di vedere cosa succede dentro casa. 

Tenendo conto di tutti gli ambienti è affascinante scoprire che l’intero Project Ö è alimentato grazie ai pannelli solari posti sul tetto e l’acqua che arriva ai servizi igienici e ai lavandini è quella del mare, ma filtrata. 

Per quanto riguarda la produzione di calore, sia per scaldare l’acqua si per il sistema di riscaldamento, è interamente collegato alla stufa della sauna. 

L’intero progetto di Project Ö si sposa perfettamente con il luogo in cui è stato realizzato, rappresentando l’idea di un futuro completamente ecosostenibile e con il minimo impatto sulla natura. 

project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
project o | Collater.al
Project Ö, il sogno autosufficiente di Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki
Design
Project Ö, il sogno autosufficiente di Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki
Project Ö, il sogno autosufficiente di Aleksi Hautamaki e Milla Selkimaki
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Behzad Nohoseini e le sue grafiche

Behzad Nohoseini e le sue grafiche

Giulia Guido · 2 mesi fa · Design

Non molto tempo fa abbiamo parlato di Behzad Nohoseini e delle sue serie di grafiche che trasformavano e giocavano con i nomi dei film e le loro trame. Torniamo a parlarne perché l’ultimo progetto pubblicato dal graphic designer iraniano sul suo profilo Instagram ha attirato più di altri la nostra attenzione. 

Behzad prende spunto dal “I’m not a robot” checkbox, quella casella che a volte ci appare quando inseriamo una password o ci iscriviamo a qualche sito internet. L’obiettivo di queste caselle è di controllare che l’utente non sia una macchina, ma una persona in carne e ossa. Molte volte, però, non basta un click. Spesso ci troviamo davanti un quesito: il sistema ci chiede di riconoscere biciclette, semafori, macchine in una griglia di nove immagini. 

Behzad Nohoseini ricrea esattamente queste griglie, ma i quesiti che pone ai suoi follower sono strettamente legati alle problematiche ambientali. Ad esempio, sopra la fotografia di un orso polare al centro di decine di piccoli pezzi di ghiaccio che si sciolgono ci viene chiesto di selezionare i quadrati dove compare un iceberg. 

Per ora questa serie conta solo 4 grafiche, noi speriamo che Behzad Nohoseini ne abbia altre in serbo. 

Behzad Nohoseini | Collater.al
Behzad Nohoseini | Collater.al
Behzad Nohoseini | Collater.al
Behzad Nohoseini | Collater.al
Behzad Nohoseini e le sue grafiche
Design
Behzad Nohoseini e le sue grafiche
Behzad Nohoseini e le sue grafiche
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
La casa privata divenuta testimonianza di stili architettonici

La casa privata divenuta testimonianza di stili architettonici

Collater.al Contributors · 2 mesi fa · Design

Il progetto di Lily Jencks Studio prende vita in una zona remota di campagna in Scozia, tra le rovine di una vecchia casa colonica risalente al XVIII secolo, dove è stato costruito un appartamento privato che conserva le varie stratificazioni materiche a testimonianza delle trasformazioni subite negli anni.

I tre strati principali corrispondono uno al muro di pietra, l’interno del quale è rivestito in gomma nera impermeabile, il secondo un sistema murario curvilineo composto da blocchi di polistirolo riciclato e il più interno da una struttura in legno rivestita di plastica rinforzata con fibra di legno.
Questi tre strati sono un chiaro riferimento a stili architettonici diversi e in aggiunta assumono significato e funzioni diverse nelle varie zone dell’edificio.

I muri in rovina esistenti dettano la posizione per le grandi finestre e le porte che si affacciano al paesaggio intorno in cui sorgono morbide colline e campi di allevamento.
Per la facciata esterna sono stati preservati i muri di rudere che si fondono perfettamente con la gomma nera opaca, ed è stato ripristinato il tetto a falde originale, garantendo una coerenza con il contesto esterno.

Testo di Giordana Bonanno.

La casa privata divenuta testimonianza di stili architettonici
Design
La casa privata divenuta testimonianza di stili architettonici
La casa privata divenuta testimonianza di stili architettonici
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Quel palazzo a Milano decorato da Lucio Fontana

Quel palazzo a Milano decorato da Lucio Fontana

Collater.al Contributors · 2 mesi fa · Design

Siamo a Milano, in zona sant’Ambrogio, vicino all’università Cattolica. In via Lanzone 6 i fratelli Gustavo e Vito Latis realizzano tra il 1949 e il 1951 un edificio residenziale in un lotto colpito dai bombardamenti del 1943. 

L’edificio è composto da due corpi di fabbrica, con il giardino condominiale. Ma la cosa più interessante sono le logge e le terrazze, i cui parapetti in ferro sono stati decorati niente meno che dall’artista Lucio Fontana, che realizza dei portafiori e delle ceramiche decorative, dal colore rosso, giallo, verde e blu e con forme incise e in rilievo tipiche dell’opera dell’artista. Magari ci passate davanti ogni giorni e non ve ne siete mai accorti, o magari vi siete sempre chiesti chi le ha realizzate. In ogni caso, se non ci siete mai stati e vi trovate in zona, andate a rifarvi gli occhi con questa perla incastonata nel centro storico. 

Lucio Fontana | Collater.al
Lucio Fontana | Collater.al
Lucio Fontana | Collater.al
Lucio Fontana | Collater.al
Lucio Fontana | Collater.al

Articolo di Bianca Felicori

Quel palazzo a Milano decorato da Lucio Fontana
Design
Quel palazzo a Milano decorato da Lucio Fontana
Quel palazzo a Milano decorato da Lucio Fontana
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5