I collage in stile anni ’80 e ’90 di Matt Cunningham

I collage in stile anni ’80 e ’90 di Matt Cunningham

Claudia Fuggetti · 1 anno fa · Art

Una volta che entri nel mondo di Matt Cunningham, meglio conosciuto come Moon Patrol, non vuoi uscirne più. La sua fonte d’ispirazione è l’immaginario degli anni ’80 e ’90, in particolare quello che fa riferimento ai fumetti, ai film horror e al folklore delle due epoche. La sua reinterpretazione attualizza questo universo, che diventa una vera e propria poetica narrativa.

Le illustrazioni sono un’altra importante fonte da cui l’artista prende spunto, l’intento finale è quello di raccontare una storia e di indagare il subconscio. Mescolare elementi vintage ed offrire un nuovo sguardo che parte dal passato e si proietta nel presente è un compito arduo, nel quale Matt riesce davvero bene.

Visita anche il suo account Instagram.

I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al I collage in stile anni '80 e '90 di Matt Cunningham | Collater.al

I collage in stile anni ’80 e ’90 di Matt Cunningham
Art
I collage in stile anni ’80 e ’90 di Matt Cunningham
I collage in stile anni ’80 e ’90 di Matt Cunningham
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Short video for Breakfast – Coin Operated, per diventare astronauta serve tempo e denaro

Short video for Breakfast – Coin Operated, per diventare astronauta serve tempo e denaro

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Ciò che ha ispirato la trama di Coin Operated, cortometraggio del neo-filmaker Nicholas Arioli, è stata la frase “risparmi di una vita”, secondo il regista un concetto malinconico e speranzoso al tempo stesso.

Il protagonista unico del corto animato è infatti un bambino con la passione per lo spazio, che poi passerà tutta la vita a risparmiare per riuscire a coronare il suo sogno, partire a bordo di una navicella spaziale.

Però, l’animazione non pone limiti all’immaginazione, quindi, il modo per raggiunger l’obiettivo non è proprio ortodosso e, sebbene la missione del personaggio ci sembri un auto sabotaggio noi non possiamo fare altro che stare dalla sua parte. Fare il tifo per lui è un po’ come fare il tifo per noi stessi, per i nostri sogni. In fondo, ognuno di noi si sarà, o si troverà prima o poi, nella condizione di dover sacrificare del tempo per raggiungere la meta.

Sebbene Coin Operated sia il primo lavoro cinematografico di Nicholas Arioli, che fino a poco tempo fa faceva l’informatico, la bellezza, la semplicità e il messaggio che trasmette lo ha portato immediatamente ad essere uno dei cortometraggi in lizza per il premio Oscar.

Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al Coin Operated Nicholas Arioli | Collater.al

Short video for Breakfast – Coin Operated, per diventare astronauta serve tempo e denaro
Art
Short video for Breakfast – Coin Operated, per diventare astronauta serve tempo e denaro
Short video for Breakfast – Coin Operated, per diventare astronauta serve tempo e denaro
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix

L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

La notizia è di poche ore fa e noi abbiamo già gli occhi a cuoricino. Netflix ha dichiarato con un video di aver acquisito i diritti su alcuni dei libri più famosi di Roald Dahl. Tra i titoli compaiono La fabbrica di cioccolato, Il grande ascensore di cristallo, Matilda, Il GGG, Il dito magico, James e la pesca gigante e Il coccodrillo enorme. In pratica tutte le storie che ci hanno tenuto compagnia da piccoli.

Per il momento non si hanno altre notizie, a parte che sembra che la piattaforma di streaming abbia intenzione di superarsi, creando non solo dei semplici film, ma dando vita a un intero universo narrativo dedicato al famoso scrittore britannico.

L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix | Collater.al L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix | Collater.al L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix | Collater.al

L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix
Art
L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix
L’universo di Roald Dahl sbarca su Netflix
1 · 3
2 · 3
3 · 3
No Poverty, Zed1 rappresenta la povertà e la speranza

No Poverty, Zed1 rappresenta la povertà e la speranza

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Per un progetto promosso dalla città di Torino in collaborazione con Lavazza, 17 artisti sono stati chiamati per rappresentare i The Global Goals delle Nazioni Unite. Si tratta di 17 obiettivi che, nel 2015, i leader e i rappresentanti dei diversi paesi si sono preposti di raggiungere entro il 2030.

Il primo obiettivo, quello di combattere ed eliminare la povertà, citando “End poverty in all its forms everywhere”, è stato assegnato a Zed1 e prende appunto il titolo di No Poverty.

Come tutti i lavori di Marco Burresi anche questo è un racconto per immagini più che un murale. È una storia di distruzione e speranza al tempo stesso.

Al centro vediamo due mani aprire un portafoglio pieno di terra. In mezzo, nel terriccio, dove batte il sole che riesce a passare tra le nuvole, cresce un bocciolo di una rosa che porta con se un piccolo personaggio che stringe tra le braccia una moneta, una casetta e del pane.

Ai lati, due nuvole tenute da due mani fanno ombra su tutto il resto, dove non c’è vita e le poche piante che ci sono stanno morendo. Le nubi trasportano i motivi e le cause della povertà. A sinistra la corruzione, rappresentata da una figura con un passamontagna che porta con sé una valigetta piena di soldi, il basso livello di istruzione nel mondo sotto forma di libro rotto, la guerra e i confini disegnati con un mirta e del filo spinato. A destra, invece, un cartello della croce rossa rappresenta il basso livello di sanità, un edificio che sta candendo a pezzi simboleggia la mancanza di un’abitazione e infine un rastrello e una tanica di benzina ricordano la mancanza di mezzi che molte popolazioni al mondo non hanno e il problema dell’inquinamento.

Solo l’uomo, se lo vuole davvero, può spostare le mani, e quindi le nuvole, e far tornare il sole ovunque.

Scopri altri lavori di Zed1 QUI.

No Poverty Zed1 | Collater.al No Poverty Zed1 | Collater.al No Poverty Zed1 | Collater.al No Poverty Zed1 | Collater.al No Poverty Zed1 | Collater.al No Poverty Zed1 | Collater.al

No Poverty, Zed1 rappresenta la povertà e la speranza
Art
No Poverty, Zed1 rappresenta la povertà e la speranza
No Poverty, Zed1 rappresenta la povertà e la speranza
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
L’immaginario minimalista di Sébastien Plassard

L’immaginario minimalista di Sébastien Plassard

Giulia Guido · 1 anno fa · Art

Forse avrete visto qualche sua illustrazione sulle copertine di GQ o del New York Times, sulle copertine di libri o manifesti di festival cinematografici perché lo stile e la bellezza delle illustrazioni di Sébastien Plassard lo ha reso famoso a livello internazionale e di sicuro ve ne innamorerete anche voi.

I suoi lavori sono riconoscibili tra migliaia, grazie a uno stile unico che unisce il moderno ed elementi che ricordano le vecchie pubblicità degli anni ’50. Ciò che rappresenta è quel che ci circonda tutti i giorni tra tramonti e mezzi di trasporto, tra macchine e aerei ma sempre con quel non so che che rende il risultato quasi surreale.

Sébastien gioca con le linee e con i colori, creando dei punti luce con toni come l’arancione e realizzando le ombre con toni che virano dal blu al grigio.

Anche la tecnica che usa unisce nuovo e vecchio. L’illustratore francese inizia sempre i suoi lavori su carta per poi passare al computer per lavorare soprattutto sulle texture.

Guarda altri lavori di Sébastien Plassard sul suo sito e su Instagram.

Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a Sebastien Plassard | Collater.a

L’immaginario minimalista di Sébastien Plassard
Art
L’immaginario minimalista di Sébastien Plassard
L’immaginario minimalista di Sébastien Plassard
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18