Creators – il BBQ firmato Casatibuonsante

Creators – il BBQ firmato Casatibuonsante

Collater.al Contributors · 5 mesi fa · Design

Fondato nel 2017 da Antonio Buonsante e Federico Casati, lo studio con base a Milano affronta l’architettura e il design su diverse scale, dal paesaggio domestico alla dimensione urbana. I giovani architetti (classe 1989 e 1988), entrambi laureati al Politecnico di Milano, considerano l’architettura in primo luogo come esperienza spaziale e hanno come obbiettivo quello di sviluppare una metodologia di lavoro scientifica, che sia leggibile attraverso parametri condivisi e che ignori le speculazioni narrative personali. Tra i progetti realizzati, molti sono a Milano, tra cui la splendida ristrutturazione di un appartamento in corso XXII marzo con una Music Room per suonare del 2018.

Casatibuonsante, questo giugno 2019, ha realizzato a Varese un progetto molto particolare: un BBQ, un barbecue per una casa privata, di 15 metri quadri, una dedica al grande artista americano Sol LeWitt. Il lavoro è ispirato, più precisamente, al suo testo “The Square and the cube” in Art in un numero di America magazine del 1967, “Il meglio che si possa dire del quadrato o del cubo è che di per sé sono relativamente poco interessanti. Sono rappresentazioni di base di una forma bi – e tridimensionale e non hanno la potenza espressiva di altre forme e sagome più interessanti. Liberati dalla necessità di essere significativi di per sé, possono essere usati in maniera più efficace come congegni grammaticali da cui può prendere l’avvio l’opera. L’uso di un quadrato o di un cubo ovvia alla necessità di inventare altre forme e ne riserva l’utilizzo all’invenzione.

Square and cube, quindi, tradotti nel BBQ nell’uso di un modulo rettangolare di dimensioni 25×12, dimensione standard della piastrella in Klinker. Questo elegantissimo progetto è generato dalla rigorosa addizione del modulo scelto che crea spazi a giorno per lo stoccaggio di tutti gli utensili necessari, un punto acqua, un piccolo forno a legna, un’area per la griglia e un bancone di lavoro. Il tutto fotografato con maestria da Louis De Belle.

Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al
Casatibuonsante | Collater.al

Testo di Bianca Felicori

Creators – il BBQ firmato Casatibuonsante
Design
Creators – il BBQ firmato Casatibuonsante
Creators – il BBQ firmato Casatibuonsante
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
Rolands Zilvinskis trasforma l’impossibile in reale

Rolands Zilvinskis trasforma l’impossibile in reale

Giulia Guido · 5 mesi fa · Design

Come spesso accade, Rolands Zilvinskis l’ho scovato su Instagram, social che sempre più frequentemente è utilizzato dagli artisti per mostrare le proprie opere e i propri lavori. Beh, attirata da un’immagine con un ragazzo che guarda il telefono, dal quale escono decine e decine di like che colpiscono con forza il suo volto, sono finita sul profilo di Rolands e me ne sono immediatamente innamorata. 

L’artista digitale è nato in Lettonia, ma nel 2008 si è trasferito in Irlanda, a Dublino, dove ancora oggi vive e lavora, per studiare Graphic Design. La sua passione per questo tipo di lavori nasce dalla fotografia, poi, sperimentando con la manipolazione digitale e le modifiche, si è dedicato anima e corpo alla grafica, prima da autodidatta e poi specializzandosi. 

Quel che caratterizza maggiormente le sue opere è una forte componente realistica che vi obbligherà a guardare l’immagine più da vicino, per più tempo. Però, finché non capirete “l’inganno” penserete che quella presentata da Rolands Zilvinskis è la realtà. 

Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis | Collater.al
Rolands Zilvinskis trasforma l’impossibile in reale
Design
Rolands Zilvinskis trasforma l’impossibile in reale
Rolands Zilvinskis trasforma l’impossibile in reale
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica

Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica

Claudia Fuggetti · 5 mesi fa · Design

Louis Vuitton ha allestito una mostra a Los Angeles che celebra le sue collaborazioni artistiche tenute negli ultimi 160 anni. La mostra Louis Vuitton X si tiene presso la 468 North Rodeo Drive a Beverly Hills e contiene 180 oggetti provenienti dall’archivio della casa di moda francese.

Gli oggetti sono esposti in 10 sale caratterizzate da colori vivaci; alcuni degli spazi espositivi sono personalizzati da toni di nero scuro con disegni luminosi e colorati, mentre i restanti somigliano a delle gallerie con vetrine. Una sala espositiva presenta pareti a scacchiera, soffitto e pavimenti di colore rosa cipria. I pezzi della sala raffigurano un oceano turchese con una barca e un molo.

La mostra comprende sei borse da viaggio LV Monogram in pelle che sono state reinterpretate da artisti e designer famosi, tra cui Karl Lagerfeld e Zaha Hadid, così come Rei Kawakubo, Yayoi Kusama, Cindy Sherman e Frank Gehry. Un altro focus della mostra è l’ultima collezione Artycapucines di LV, un progetto in collaborazione con sei artisti contemporanei che hanno disegnato borse Capucines su misura per il marchio. Sam Falls, Urs Fischer, Nicholas Hlobo, Alex Israel, Tschabalala Self e Jonas Wood hanno creato ciascuno un design.

All’interno della mostra è presente anche una collezione di bauli Louis Vuitton di primo Novecento, bottiglie di profumo art déco e vetrine disegnate dal nipote di LV, Gaston-Louis.

Louis Vuitton X sarà in mostra fino al 15 settembre 2019 presso il 468 North Rodeo Drive Building a Beverly Hills, California.

Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica | Collater.al
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica
Design
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica
Louis Vuitton celebra 160 anni di collaborazione artistica
1 · 7
2 · 7
3 · 7
4 · 7
5 · 7
6 · 7
7 · 7
Mono di Jeong Greem, un tubo in schiuma per un’intera collezione di mobili.

Mono di Jeong Greem, un tubo in schiuma per un’intera collezione di mobili.

Giulia Guido · 5 mesi fa · Design

Less is more. La piccola e semplice legge che nonostante il tempo che passa risulta sempre vincente. La designer Jeong Greem ha applicato questa regola alla sua ultima collezione di mobili, Mono, realizzata con un unico oggetto. Si tratta di un tubo in schiuma di silicone che viene malleato, avvolto su se stesso e attorcigliato fino a fargli prendere una forma che permetta di sedercisi sopra. 

La collezione è composta da diversi pezzi tra cui sedie, tavolini, appendiabiti, lampade, ognuno formato da un tubo colorato che, nei casi in cui si voglia un “non so che” in più può essere rivestito anche di velluto. 

La particolarità delle creazioni di Jeong Greem è che scompongono totalmente il concetto di sedia, diventando quasi delle sculture o delle installazioni. In effetti, se ne vedeste una in un salotto qualche dubbio vi verrebbe. 

Scopri la collezione Mono nella nostra gallery. 

Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem | Collater.al
Mono di Jeong Greem, un tubo in schiuma per un’intera collezione di mobili.
Design
Mono di Jeong Greem, un tubo in schiuma per un’intera collezione di mobili.
Mono di Jeong Greem, un tubo in schiuma per un’intera collezione di mobili.
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
Villa Cardo è la casa vacanze pugliese da sogno

Villa Cardo è la casa vacanze pugliese da sogno

Collater.al Contributors · 5 mesi fa · Design

Villa Cardo è un tranquillo ritiro estivo situato a Carovigno, in provincia di Brindisi. Come le “sorelle”, Masseria Moroseta o Villa Castelluccio, questa villa in Salento è un blocco bianco, che si affaccia su una piscina con vista panoramica sulle campagne pugliesi. È chiaro che l’ispirazione provenga dai trulli e dalle classiche abitazioni locali. L’architetto Andrew Trotter, direttore di Openhouse Magazine e dell’omonimo studio di Barcellona, ama queste zone ed è l’architetto che ha progettato tutte tre le residenze, che si mostrano nel paesaggio mediterraneo con le loro sagome bianco candido, d’ispirazione antica, in contrasto con la terra baciata dal sole.

Villa Cardo è stata costruita con metodi tradizionali, mantenendo l’edificio arieggiato e fresco d’estate. La costruzione è all’interno di un terreno di un ettaro sul quale sono coltivati ulivi, mandorli e dalla terrazza sul tetto si può godere di una vista sul mare fantastica.

La casa è composta da un ampio soggiorno con sala da pranzo, 4 bagni e 4 camere da letto. Una di esse è una matrimoniale con bagno annesso, dove si può godere di una vasca e doccia doppia. La camera da letto principale ha la propria veranda, con bagno esterno e giardino privato con doccia esterna. Le altre due camere da letto – una con letto matrimoniale e una con due letti singoli – possono essere utilizzate anche come piccola zona giorno. Hanno il bagno in comune. Al piano inferiore si trova una sala TV e per rilassarsi un bagno turco con doccia esterna.

Oltre alla villa principale c’è una vecchia casa di campagna “lamia“, che può ospitare altre due persone. Intorno alla piscina, c’è una specie di dependance con cucina esterna, barbecue e forno a legna, terrazza da pranzo, divano esterno e lettini prendisole.

Le altre due camere da letto, che possono essere utilizzate come piccola zona giorno, sono collegate da un bagno in comune. Una camera da letto ha un letto matrimoniale, mentre l’altra ospita due letti singoli. Una sala TV si trova al piano inferiore con bagno e bagno turco con doccia esterna. A complemento della casa principale, la guest house può ospitare due persone. All’esterno si trova una cucina con grill e forno a legna, terrazza da pranzo, divano esterno e lettini prendisole intorno alla piscina.

La splendida Riserva Naturale di Torre Guaceto che è la spiaggia più vicina ed è a circa 7 km di distanza, Ostuni e l’aeroporto di Brindisi sono a 15 minuti di auto e a un’ora dall’aereoporto di Bari.

Villa Cardo è disponibile per l’affitto su Moroseta Villas.

Testo di Elisa Scotti

Villa Cardo è la casa vacanze pugliese da sogno
Design
Villa Cardo è la casa vacanze pugliese da sogno
Villa Cardo è la casa vacanze pugliese da sogno
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11