La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali

avatar
24 Settembre 2019

La casa brutalista "A Brustalist Tropical Home" di Dan Mitchell è un paradiso tropicale situato a Bali. Entra adesso se vuoi saperne di più!

Il designer Dan Mitchell e lo studio di architettura Patisandhika hanno creato una casa di cemento tropicale brutalista situata a Bali, che è stata appunto battezzata A Brustalist Tropical Home. La casa è situata in un piccolo villaggio sulla costa meridionale dell’isola.

L’esterno ha un aspetto massiccio, monolitico e “blocky”, con lastre strutturali in calcestruzzo che si estendono orizzontalmente. A caratterizzare l’edificio è presente uno spazio abitativo a doppia altezza, fiancheggiato su ogni lato da livelli divisi, che sono liberamente modellati sulle linee moderniste del Kappe Residence di Los Angeles. .

La disposizione a più livelli e le ampie finestre offrono una splendida vista sui paesaggi tropicali esterni e sulle risaie, tratto distintivo della zona geografica.

Lo spazio è pieno di piante che sono state pensate all’interno di un contesto dove, ad esempio, la cucina è “senza pareti” e permettono di vivere a contatto con la natura: non a caso il designer Dan Mitchell spera che nel tempo le piante cresceranno per prendere il controllo della casa.

Tenendo presente i climi tropicali, l’edificio è stato progettato anche per proiettare ombre all’interno, evitando così un elevato surriscaldamento. Bisogna anche aggiungere che la casa è munita di pannelli solari sul tetto e di un sistema di raccolta dell’acqua piovana per contribuire a migliorare le prestazioni ambientali.

La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al
La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al
La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al
La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al
La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al
La casa brutalista di Dan Mitchell a Bali | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share