DecodeTheCode, la String Art e le installazioni fatte di fili e luce ultravioletta

avatar
14 Maggio 2019

Il duo polacco Podolski-Basandowska aka DecodeTheCode analizza l’immensità del cosmo attraverso delle installazioni con la tecnica della String Art.

Quelle realizzate dal duo di Cracovia formato da Przemysław Podolski e Marta Basandowska sono delle magnifiche installazioni immersive che riescono a restituire allo spettatore la bellezza e la vastità del cosmo. 

Fin da piccolo, Podolski è sempre stato attratto dall’universo, dalla sua immensità, ma anche dall’ignoto. Questa sua passione non lo ha mai lasciato, neanche quando ha iniziato a studiar all’Accademia di Belle Arti di Cracovia, anzi, è riuscito a farla diventare il punto di partenza, la solida base per tutte le sue opere future. 

Dall’incontro tra Przemysław e Marta è poi nato DecodeTheCode, un progetto artistico che si pone come obiettivo quello di realizzare delle installazioni immersive che ricreino e analizzino l’intero cosmo e che facciano sentire lo spettatore come se stesse fluttuando al centro dell’universo. 

La particolarità delle loro opere è che sono realizzate con la tecnica della String Art che consiste nel creare una forma attraverso la sovrapposizione e l’intersezione di fili colorati. Questo procedimento di solito avviene su un solo piano che può essere un semplice foglio o una tavola di compensato, ma quelle firmate DecodeTheCode sono di tutt’altro livello. SI tratta, infatti, di installazioni che abbracciano intere sale, riempiendo completamente lo spazio a disposizione, avvolgendo lo spettatore che può viverle a 360 gradi. 

decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al
decode the code | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share