Dogman è il nuovo western urbano diretto da Matteo Garrone

avatar
12 aprile 2018

Il nuovo film di Matteo Garrone si chiama Dogman e come in molte delle sue pellicole precedenti è tratto da un fatto di cronaca nostrano.

Matteo Garrone è uno dei registi italiani più innovativi ed influenti del panorama italiano e nonostante abbia vinto fior fior di premi è sempre stato “poco” considerato dall’opinione pubblica, forse per le sue storie molto crude e forti, o magari per il taglio più “documentaristico” e meno patinato, che invece spesso troviamo nel cinema italiano, fatto sta che il pluripremiato regista ha un opera nuova in cantiere chiamata the Dogman, che ha deciso di sviluppare dopo aver temporaneamente messo da parte Pinocchio, film che avrebbe visto nel cast un Toni Servillo nei panni di Geppeto.

Il film parlerà di un fatto di cronaca che ha sconvolto la capitale italiana alla fine degli anni 80. La storia parlerà Pietro De Negri, detto er Canaro in quanto gestisce un’attività di tolettatura per cani alla Magliana, che sotto effetto di cocaina tortura ed uccide brutalmente il pugile e criminale Giancarlo Ricci.

La vicenda è senza dubbio forte e Garrone la metterà in scena sicuramente al meglio, rendendola un esperienza visiva e sensoriale al limite dell’angosciante. D’altronde il regista non è affatto nuovo a questa tipologia di racconti. Due tra i suoi migliori film (Primo Amore e L’imbalsamatore) sono trasposizioni cinematografiche di fatti di cronaca avvenuti realmente in Italia negli ultimi decenni. Ma ogni film di Garrone, eccetto forse Il Racconto dei Racconti, è volto a descrivere una situazione sociale ben precisa, inizialmente in chiave più documentaristica (terra di mezzo, ospiti) successivamente in chiave più cruda e talvolta nauseante (Gomorra e Reality).

Garrone è sempre stato vicino a questi temi più giornalistici che cinematografici, tant’è che fin dall’inizio il suo approccio era volto a descrivere la verità non solo a livello di storia ma anche a livello di mezzi di produzione, utilizzando solo camera a spalla, audio in presa diretta, poche luci artificiali ed attori spesso non professionisti, insomma una sorta di adesione al Dogma. Nelle ultime opere però quest’approccio è chiaramente andato a modificarsi per stare dietro alle grandi produzioni, spesso internazionali.

In Dogman, nonostante le informazioni siano ancora poche, è possibile che vedremo un ritorno alle sopracitate origini stilistiche: una Magliana desolata, in cui vige la legge del più forte. Finché non ci arrivano nuove informazioni consiglio a tutti un ripasso della filmografia del regista che purtroppo non in molti conoscono.

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Dogman e il nuovo western urbano diretto da Garrone | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share