Art I gonfiabili di Franco Mazzucchelli da Spazio Volta
Artfranco mazzucchelliinflatable sculpturespazio volta

I gonfiabili di Franco Mazzucchelli da Spazio Volta

-
Anna Frattini

Siamo nella Città Alta di Bergamo e al piano superiore di Spazio Voltane abbiamo già parlato qui – si trova la Chiesa sconsacrata di San Rocco, una recente espansione dello Spazio. Il luogo, in disuso dagli anni sessanta, riprende vita e riapre al pubblico proprio in occasione di Sarà scultura, la personale di Franco Mazzucchelli che mette in mostra quelli che da fuori sembrano solo gonfiabili. La mostra inizia al piano terra, nella ex fontana che si affaccia su Piazza Mercato delle Scarpe, e dialoga con l’installazione che fuoriesce dal piano superiore dell’edificio, attirando subito l’attenzione. Il titolo di questa mostra – curata da Edoardo De Cobelli, Giammarco Cugusi e Veronica Botta – ha una storia davvero curiosa. Nasce infatti da una serie di conversazioni fra un intervistatore e dei passanti che, guardando i gonfiabili di Mazzucchelli, esprimevano le loro perplessità a riguardo. L’espressione è tratta proprio dal un commento di un passante: «Ah, beh!..Sarà scultura».

Ph Credits Edoardo Bonacina

Sarà scultura: la personale di Franco Mazzucchelli

Spazio Volta colpisce ancora e questa volta lo fa con le opere di Franco Mazzucchelli, classe 1939. All’interno della ex fontana medievale le sculture dell’artista si alterneranno a intervalli regolari di tre settimane. Il Cono rosso, risalente al 1999 e posizionato all’interno della ex chiesa, così come le catene bianche del piano inferiore, lascerà spazio a opere più recenti fatte di sperimentazioni. Una mostra a stretto contatto con la location, tanto da sembrare – a tratti – site-specific senza esserlo. A margine, si intravede quella che possiamo descrivere come una dimensione abitativa speciale che dà vita alle sculture di Mazzucchelli. Tanto da far conversare le sculture gonfiabili con i limiti e le potenzialità del luogo.

Sono due i momenti fondamentali che descrivono questa mostra: il primo riguarda l’aspetto espositivo e oggettuale che si rispecchia nella Bieca Decorazione (BD), una serie risalente agli anni Ottanta che ironizza sul feticismo che associamo all’oggetto opera d’arte. Il secondo momento, invece, fa i conti con il desiderio di rievocazione incarnato nell’opera gonfiabile nel contesto sociale e urbano. Un’occasione da non perdere per riflettere sul significato di opera d’arte, soprattutto il 18 novembre quando – anche in occasione del festival ArtDate – si terrà un intervento pubblico dove i gonfiabili verranno liberati e saranno quindi liberi di muoversi negli spazi aperti di Piazza Vecchia fra i passanti.

Sarà possibile visitare la mostra dal 1 ottobre 2023 fino al 7 gennaio 2024. Qui il profilo Instagram di Spazio Volta.

Artfranco mazzucchelliinflatable sculpturespazio volta
Scritto da Anna Frattini
x
Ascolta su