C’è più di una buona ragione per ascoltare i Golfers

C’è più di una buona ragione per ascoltare i Golfers

Claudia Maddaluno · 6 mesi fa · Music

Se stavi cercando il brano giusto per la tua playlist con le ultime uscite di ottobre, i Golfers hanno ciò che fa per te.

Il duo composto da Max e Claudio ha da poco rilasciato il secondo singolo dopo Your Game: si intitola “Good Reason”, ma le buone ragioni per ascoltarlo sono più d’una.

La prima è che è un brano che puoi ascoltare di lunedì, facendo finta che sia appena iniziato il weekend. Poi mettici che prende ispirazione da The Blaze e Jamie XX ma aggiunge spunti innovativi e uno stile molto personale che va a rafforzare l’identità artistica del duo irpino affascinato dalla scena dance anni ’90 ma anche da un pop più dinamico e melodico.

Altro motivo è che “Good Reason” è accompagnato da un video live molto figo girato a Napoli da Dario De Simone alla Fondazione Made in Cloister (ex-Chiostro della Chiesa di S. Caterina a Formiello) che ogni anno ospita un’opera site specific realizzata da artisti internazionali al fine di supportare il dialogo continuo tra tradizione e arte contemporanea.

Questo spirito anima anche il progetto Golfers, molto attento a costruire una sua identità visiva, legata al mondo dell’arte e della moda.
Scopri di più guardando il video di “Good Reason” e leggendo la nostra intervista.

Ciao Golfers, presentatevi con un paio di righe e una canzone a chi ancora non vi conosce.

Ciao Collater.al, noi siamo Max e Claudio, per un motivo non ben specificato quando suoniamo insieme piace farci chiamare Golfers. Veniamo dall’Irpinia e suoniamo una musica elettronica che fonde elementi di annate e stili differenti, riportando l’ascoltatore a sensazioni spesso contrastanti tra di loro. Non siamo in grado di catalogarci in un genere esatto, né ci teniamo particolarmente a farlo. Per capire meglio di cosa parliamo vi suggeriamo di ascoltare il nostro ultimo singolo “Good Reason” che rappresenta benissimo l’idea della nostra musica.

Good Reason” è il vostro nuovo singolo. Ci raccontate come nasce la traccia?

Bella domanda! Questo pezzo nasce seguendo dinamiche poco convenzionali. Un pomeriggio eravamo in studio a lavorare agli ultimi ritocchi di una vecchia traccia. É successo che a fine giornata, ancora incoscienti, ci siamo resi conto di aver esagerato, il brano originale non esisteva più, era venuto fuori un nuovo pezzo fortemente contaminato dagli ascolti del momento, ma che sentivamo estremamente personale.
E’ una delle nostre tracce preferite proprio perché è nata in maniera del tutto naturale, senza dover forzare nulla.

Il vostro progetto, seppure giovane, ha già una precisa identità visiva. Le linee, i colori forti e accenni all’op art sono in qualche modo le tre principali connotazioni del vostro stile. Da dove nasce l’esigenza dei Golfers di abbinare la musica elettronica all’arte visiva moderna

Siamo sempre stati attratti dall’estetica e nel momento in cui abbiamo messo su questo progetto ci è sembrato scontato dedicare la giusta importanza a questo aspetto. La parte visiva va considerata come parte integrante della nostra musica, è uno strumento in più. Abbiamo avuto la fortuna di poter collaborare con LAND OH studio, che ha realizzato e ideato le grafiche di queste prime due tracce (“Your Game” e “Good Reason”) e di tutte le nostre prossime uscite.

Il video che accompagna “Good Reason” è un live girato alla Fondazione Made in Cloister a Napoli. Vorremmo sapere i motivi di questa scelta e com’è nato il rapporto con il brand D.A.T.E. che ha supportato il progetto.

Stavamo ragionando su un contenuto video per Good Reason e l’idea del classico videoclip non ci faceva impazzire. Il nostro mondo è molto vicino a quello dell’arte in genere. La location del Made In Cloister è pazzesca, c’è un connubio perfetto tra arte moderna e architettura storica. Quando ci è stato proposto di girare lì ci è sembrato molto coerente con quello che cercavamo. D.A.T.E. è un brand molto sensibile al connubio musica e moda, a loro è piaciuta la nostra musica e anche il nostro “stile” e il mondo visivo che ci rappresenta, così ha scelto di collaborare al progetto fornendoci le scarpe che vedete nel video e che sono della prossima collezione autunno/inverno, oltre che spingere il pezzo anche sui loro canali. Probabilmente faremo altre cose insieme in un futuro prossimo. 

L’ultima domanda è un consiglio: che disco ascoltiamo oggi?

Beh, potreste ascoltare uno dei nostri dischi preferiti: “Dancehall” dei The Blaze.

C’è più di una buona ragione per ascoltare i Golfers
Music
C’è più di una buona ragione per ascoltare i Golfers
C’è più di una buona ragione per ascoltare i Golfers
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
“The great empty” visto dal New York Times

“The great empty” visto dal New York Times

Emanuele D'Angelo · 1 settimana fa · Photography

Da Parigi a New York, passando per Monaco, Los Angeles, Hong Kong, Pechino, Milano e Nuova Delhi, il nuovo progetto del New York Times, racconta il lockdown causato dal covid-19 nel progetto “The great empty”.
Sempre più paesi sono costretti ad adottare restrizioni di uscita più o meno severe per combattere la pandemia. Mentre paesi come l’Italia hanno adottato regole di contenimento totale, altre nazioni hanno finora “semplicemente” chiuso alcune aree. Tutto il mondo vive un’atmosfera irreale, i luoghi pubblici vengono abbandonati dalla gente e i supermercati presi d’assalto.

Il New York Times presenta al meglio il suo progetto: “Questo vuoto attuale è una necessità sanitaria. Può far pensare alla distopia, non al progresso. Ma alla fine conferma anche che, ascoltando gli esperti e restando a casa, non abbiamo perso la nostra capacità di unirci per il bene collettivo. Queste immagini ti perseguitano e ti perseguiteranno, sembrano film apocalittici, ma in un certo senso trasmettono anche un messaggio di speranza”.

Il progetto del New York Times contempla il vuoto creato dall’isolamento in luoghi solitamente affollati, caotici, pieni di gente. Un modo per illustrare e ricordare il cambiamento radicale delle nostre abitudini in questi tempi di crisi sanitaria globale. 
Dai luoghi turistici ai piccoli ristoranti tipici, è l’assenza di vita a sconvolgere questi posti comuni, ognuno più suggestivo dell’altro.

Scatti che racontano il silenzio di tante città, con l’auspicio che si possa tornare più in fretta possibile alla vita di tutti i giorni.

“The great empty” visto dal New York Times
Photography
“The great empty” visto dal New York Times
“The great empty” visto dal New York Times
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan

L’atmosfera magica negli scatti di Nguan

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Non è la prima volta che parliamo di Nguan, precedentemente avevamo dedicato un articolo al suo progetto che cercava di mostrare il concetto di globalizzazione attraverso immagini scattate tra le strade di città piene di gente. 

Ora torniamo a parlare di Nguan perché da allora abbiamo continuato a seguirlo e i suoi nuovi lavori meritano ulteriore spazio. 

Tra i suoi progetti che maggiormente ci hanno colpito spicca City of Dreams, una serie fotografica realizzata a Los Angeles, per antonomasia città dove le persone si recano per realizzare i propri sogni. Sfortunatamente non tutti ce la fanno e a volte la capitale dell’industria cinematografica e dell’intrattenimento nasconde angoli in cui i sogni sono morti, evanescenti e perduti. 

Ma se vi prendete il tempo di fare un giro anche sul profilo Instagram scoprirete un Nguan diverso che ci offre scorci di città quasi onirici, illuminati dalla luce di un tramonto che rende sempre tutto più bello. Tra i tanti scatti, qui sotto puoi trovare una selezione di fotografie realizzate all’interno di un traghetto, dove il tempo sembra sospeso e le persone aspettano, annoiate, di arrivare a destinazione. 

Quello di Nguan è un mondo delicato, che ci circonda ma spesso non siamo in grado di vedere. 

L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
Photography
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
1 · 27
2 · 27
3 · 27
4 · 27
5 · 27
6 · 27
7 · 27
8 · 27
9 · 27
10 · 27
11 · 27
12 · 27
13 · 27
14 · 27
15 · 27
16 · 27
17 · 27
18 · 27
19 · 27
20 · 27
21 · 27
22 · 27
23 · 27
24 · 27
25 · 27
26 · 27
27 · 27
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton

Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton

Giulia Guido · 6 giorni fa · Photography

Da sempre lo still life ci fa immediatamente pensare a qualcosa di statico e distaccato. In fondo cosa ci aspettiamo da un genere che in italiano prende il nome di natura morta. Riuscire a trasformarlo in qualcosa di movimentato e coinvolgente è impresa quasi impossibile, ma qualcuno ci è riuscito. 

Michael Crichton, nome dietro al quale si nasconde anche quello della sua partner creativa Leigh MacMillan, ha completamente rivoluzionato il concetto di still life con i suoi scatti che catturano del cibo, come in ogni natura morta che vuole farsi rispettare, ma sotto una veste totalmente diversa. Vi basterà dare una veloce occhiata a progetti come Conceptual Food per capire che, al contrario di quel che abbiamo sempre pensato, lo still life è un genere che non conosce limiti. 

Dimenticatevi le tavole perfettamente imbandite, le ceste di frutta e gli alimenti posizionati a favore di spettatore. Il cibo fotografato da Michael Crichton vola da una parte all’altra della stanza, sospeso in aria appena prima che atterri pietosamente al suolo. Le uniche cose che rimangono sul tavolo sono le ombre di fette di pane, di tazze di caffè, di uova o di senape. 

L’aspetto impressionante degli scatti di Michael Crichton è che, nonostante il grande lavoro in post produzione, ogni singolo cibo che vediamo è stato realmente lanciato davanti all’obiettivo della macchina fotografia, non una, non due ma infinite volte prima di arrivare al risultato perfetto, talmente perfetto che fatichiamo a credere ai nostri occhi. 

Oltre a essere esteticamente soddisfacente, il risultato raggiunto da Michael Crichton è risultato a McDonald’s, Nutella o Kellogg’s un nuovo modo, divertente e dinamico, di presentare un prodotto. 

Pronti a vedere l’ordinario trasformarsi in straordinario?!

PH: Michael Crichton Photo

Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
Photography
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
La libertà senza veli degli scatti di Birdee

La libertà senza veli degli scatti di Birdee

Giulia Guido · 5 giorni fa · Photography

Blackbird fly, blackbird fly / Into the light of the dark black night, cantavano i Beatles più di cinquant’anni fa, ed è proprio questa canzone, e il suo messaggio di libertà, a ispirare Jamie Johnson nella scelta di quello che oggi è il suo nome d’arte, Birdee.

Birdee scatta dal 2014, quando ha iniziato con degli autoritratti. Oggi le sue fotografie realizzate principalmente in analogico riescono ad analizzare i temi della femminilità, della forza e della grazia. 

Le giovani ragazze protagoniste dei suoi scatti sono belle, spensierate, sospese ma non per questo non sono decise e tenaci. Inoltre, il fatto di non mostrare quasi mai i loro corpi per intero e di nascondere spesso i volti ci aiuta a immedesimarci in loro. Non sono nessuno, quindi possono essere chiunque, anche noi stesse. 

Scorrendo il sito di Birdee o il suo profilo Instagram, noterete che oltre alle figure femminili c’è anche un altro elemento che torna sempre nei suoi scatti, avvero l’acqua. Sembra quasi che i copri aggraziati delle ragazze che scatta si trasformino a contatto con le onde del mare o di una piscina. Le piccole bollicine che accarezzano la pelle donano luce e vita alle immagini. 

Scopri una selezione delle fotografie di Birdee qui sotto. 

La libertà senza veli degli scatti di Birdee
Photography
La libertà senza veli degli scatti di Birdee
La libertà senza veli degli scatti di Birdee
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14
Altri articoli che consigliamo