INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda

INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

[save_the_date]

Dal 24 Febbraio al 24 Marzo presso Ala34, il nuovo spazio espositivo nato per valorizzare la creatività romana, è in corso INTERSEZIONE la mostra dell’artista Greg Jager nata con l’obiettivo di creare un dialogo tra arti visive e i linguaggi del fashion design.

Questa volta, il Visual Artist e Graphic Designer formatosi nell’ambito dei graffiti writing e dell’urban art, ha voluto che lo spettatore si interrogasse sulla relazione tra apparenza e realtà e tra materico e digitale, tramite una serie di opere di formato tradizionale e un dittico oversize che dialoga in modo naturale con lo spazio espositivo circostante.

In dialogo con le opere di Jager, dove le sue iconiche iridescenze e gli innesti grafici minimali sono posti su superfici organiche come la carta in cotone e il legno, sono le creazioni del brand romano di streetwear FALLA che ha presentato in anteprima la T-shirt “intersezione”: 60 T-shirt numerate e firmate dall’artista che portano a compimento quell’incontro tra creatività e modalità espressive distanti ma contemporaneamente vicine.

INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 7 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 6 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 4 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 5 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 3 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 8   INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 1 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 1

INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 9 INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda | Collater.al 10

Tutte le foto di © Valerio Polici e Antonio Cavalieri

WHO:
Greg Jager
WHEN:
24 Feb 2018 - 24 Mar 2018
WHERE:
Ala34
INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda
Art
INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda
INTERSEZIONE, Greg Jager x FALLA un dialogo tra arte e moda
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Il nuovo spot Apple diretto da Spike Jonze e interpretato da FKA Twigs

Il nuovo spot Apple diretto da Spike Jonze e interpretato da FKA Twigs

Buddy · 2 anni fa · Art

Da Praise You, a Weapon of Choice e Crazy Legs per Levi’s Jeans, per arrivare allo spot per Kenzo, Spike Jonze ha dimostrato di avere una strana passione per la danza e la costruzione coreografica.

Questa volta è il turno di Apple, per il quale il regista, sceneggiatore, attore e produttore cinematografico statunitense, ha creato un corto di 4 minuti dal titolo Welcome Home e che presenta il nuovo altoparlante HomePod.

Realizzato in collaborazione con la ballerina e cantante inglese Tahliah Debrett Barnett aka FKA Twigs, il commercial si sviluppa sulle note di un nuovo brano di Anderson .Paak dal titolo Til It’s Over.

Una donna stanca, appena tornata a casa, si lascia trasportare da una musica che sembra espandere le pareti e trasformare il suo appartamento in un set sorprendente, affascinante, surreale, giocoso, teatrale.

Godetevelo.

Il nuovo spot Apple diretto da Spike Jonze e interpretato da FKA Twigs
Art
Il nuovo spot Apple diretto da Spike Jonze e interpretato da FKA Twigs
Il nuovo spot Apple diretto da Spike Jonze e interpretato da FKA Twigs
1 · 1
Short video for Breakfast – Empty, la poetica del corpo

Short video for Breakfast – Empty, la poetica del corpo

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Una palestra abbandonata è il palcoscenico vuoto e silenzioso di una bellissima esplorazione del corpo e dello spazio.
Il regista barcellonese Gerard Montero, che insieme alla coreografa Paloma Muñoz ha realizzato, racconta Empty così:

“The film explores ideas around dance and the significance we place on movement, which can’t always be easily explained. In this empty space of the swimming pool we explored the poetic potential of the body’s movement and how a place can effect how we shape it.“

Un bellissimo ed emozionante gioco di simmetrie che segue un tempo che si dilata in maniera malinconica ed affascinante.

Short video for Breakfast – Empty, la poetica del corpo
Art
Short video for Breakfast – Empty, la poetica del corpo
Short video for Breakfast – Empty, la poetica del corpo
1 · 1
I selfie che si trasformano in ghiaia di panGenerator

I selfie che si trasformano in ghiaia di panGenerator

Giulia Ficicchia · 2 anni fa · Art

Saranno una scarica di autostima con la luce e i filtri giusti, ma oltre quel breve momento di bellezza cosa ci danno i selfie?

Una riflessione simile è alla base dell’installazione del collettivo di design panGeneratorhash2ash – everything saved will be lost, realizzata per il Museo Nazione di Etnografia di Varsavia nell’ambito della loro mostra TEEN CHANGE.

I visitatori sono invitati ad inviare un proprio selfie al sito dell’installazione e in un attimo potranno vederlo trasformato in ghiaia.

Non ha essenza nè una forma consistente, sembra una massa priva di significato, il destino che, secondo il collettivo, è ciò che aspetta la tecnologia e la pratica di immortalarsi da soli. Come suggerisce anche il titolo, tutto ciò che oggi salviamo sembra destinato all’oblio, a quella massa inconsistente di ghiaia che con la loro installazione possiamo far scivolare tra le mani come i nostri ricordi di bellezza.

I selfie che si trasformano in ghiaia di panGenerator
Art
I selfie che si trasformano in ghiaia di panGenerator
I selfie che si trasformano in ghiaia di panGenerator
1 · 2
2 · 2
Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar

Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar

Giulia Pacciardi · 2 anni fa · Art

Nella notte tra domenica e lunedì si sono svolti i tanto acclamati Oscar e mentre chi, sul posto, scattava divertenti fotografie che hanno fatto il giro del mondo, c’era anche chi davanti ad un computer ritraeva i volti che hanno fatto la serata.

L’illustratore Denis Gonchar, specializzato in arte digitale, si è dedicato alla creazione di minuziosissimi ritratti che hanno come protagonisti le personalità nominate nella categoria “miglior attrice/ miglior attore“.

C’è l’amata Meryl Streep nel suo ruolo in The Post, l’attore Gary Oldman in Darkest Hour, Fionn Whitehead per Dunkirirk e infine l’attrice Frances McDormand per il suo ruolo in Three Billboards Outside Ebbing, Missouri.

Se volete scoprire di più sui suoi lavori, potete farlo qui.

Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 8 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 7 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 6 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 5 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 4 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 3 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 2 Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar | Collater.al 1

Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar
Art
Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar
Denis Gonchar ha ritratto i migliori volti degli Oscar
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8