Art

Malcolm T. Liepke dipinge le emozioni più profonde

avatar
15 Febbraio 2019

Malcolm T. Liepke è un pittore classe 1953 che dipinge le emozioni più profonde con uno stile che ricorda Henri de Toulouse-Lautrec e Diego Velázquez.

Malcolm T. Liepke è un artista autodidatta classe 1953 di Minneapolis noto per i suoi splendidi dipinti dallo stile fortemente influenzato da John Singer Sargent, Edgar Degas, Henri de Toulouse-Lautrec e Diego Velázquez. Il suo lavoro sintetizza le lezioni di questi grandi artisti che Malcom reinterpreta per rappresentare le emozioni più profonde dei soggetti ritratti.

Le sue protagoniste sono donne bellissime in contesti glamour, catturate con pennellate fluide e corpose che lasciano trasparire una certa sensualità di tipo vouyeristico. La tecnica usata da Malcolm consiste nel prendere spunto da una fotografia, che viene successivamente elaborata sotto forma di quadro. Ogni ritratto racchiude emozioni di gioia, dolore ed innamoramento (le scene di coppia ricordano molto Toulouse-Lautrec) suscitando empatia nello spettaore.

Se vuoi tenerti aggiornato, puoi visitare il profilo Instagram dell’artista qui.

Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al
Malcolm T. Liepke, dipinge le emozioni più profonde | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share