Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas

avatar
12 Luglio 2019

Minimal Republics è un progetto estremamente attuale dell'artista spagnolo Rubén Martín de Lucas, che destruttura il concetto di confine.

Il fotografo spagnolo Rubén Martín de Lucas ha realizzato una serie di fotografie in diverse località fuori Madrid che immortalano paesaggi di 100 metri quadrati, in ognuno dei quali ha vissuto per 24 ore. Ha fotografato l’esperienza servendosi di un drone, con il quale ha realizzato la serie Minimal Republics.

Il progetto è finalizzato alla critica del controllo delle frontiere in tutto il mondo. Alla luce delle recenti vicende che riguardano il tema delicato delle frontiere, delle pratiche discriminatorie nell’applicazione delle leggi sull’immigrazione, la “questione del confine” assume toni sempre più cupi.

Ecco perché all’interno di Minimal Republics troviamo la sezione Stupid Borders, che l’artista motiva così:

“Sulla natura artificiale dei confini e sull’incapacità dell’uomo di vivere senza di essi”.

Nella serie, ogni confine è creato per mettere in discussione la nostra definizione di nazione e mira a sottolineare che le recenti misure sul controllo delle frontiere si basano in gran parte su opinioni politiche e filosofiche dense di pregiudizio.

Oltre che dai confini fisici, purtroppo, a volte, è più difficile uscire da “quelli mentali.

Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al
Minimal Republics, le foto aeree di Rubén Martín de Lucas| Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share