La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani

avatar
18 Gennaio 2018

Il fotografo italiano Paolo Pettigiani ha dedicato una serie di bellissime fotografie ad infrarossi alla sua città d’adozione New York.

Laureatosi in Visual Design e Comunicazione presso il Politecnico di Torino, il graphic designer e fotografo italiano Paolo Pettigiani ha deciso di dedicare una serie fotografica alla maestosità della sua città d’adozione, New York.

Attraverso bellissime fotografie realizzate utilizzando il filtro infrarosso, ha voluto dare alla Grande Mela una luce diversa.
Uno dei più famosi skyline del mondo, solitamente al centro dell’immagine, emerge dalla rigogliosa natura di Central Park ripresa da diversi angoli, scorci e località e in una veste tanto bella quanto impossibile.

Di Paolo Pettigiani vi avevamo già parlato una volta quando si trovava a Milano per fotografare le forme architettoniche di Expo Milano 2015.

La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 1 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 2 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 3 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 4 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 5 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 6 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 7 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 8 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 9 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 10 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 11 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 12 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 13 La New York ad infrarossi del fotografo Paolo Pettigiani | Collater.al 14

 

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share