Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru

avatar
13 aprile 2017

Fantascienza, letteratura, musica e politica, c'è tutto questo e molto altro nelle opere di Cyrus Kabiru, brillante visual artist africano.

Classe 1984, Cyrus Kabiru è un artista keniota autodidatta autore di C-Stunner, stravaganti occhiali da vista realizzati assemblando materiali di scarto recuperati per le strade di Nairobi, sua città natale.

“Sculture ottiche” di estrazione afrofuturista che raccontano i temi della diaspora africana attraverso la lente della tecnocultura, termine con il quale si identificano opere e prodotti che incorporano in se tecnologia, cultura e politica.

Lavori che è possibile ammirare anche in Africa Rising, libro che documenta la ricchezza multiforme dell’Africa di oggi attraverso ambiti quali moda, design e lifestyle.

Un occasione per osservare da vicino uno degli artisti africani più in vista del momento.
Dategli un occhio.

Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al
Gli stravaganti occhiali afrofuturistici di Cyrus Kabiru | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.