Photography Corpo e cenere nei ritratti di Olivier Valsecchi
Photographyphotography

Corpo e cenere nei ritratti di Olivier Valsecchi

-
Tommaso Berra
Olivier Valsecchi | Collater.al

La serie BlackDust realizzata dal fotografo parigino Olivier Valsecchi continua i suoi precedenti lavori che hanno come elemento centrale l’azione dei corpi e della polvere. La scelta di Valsecchi è quella di uniformare la composizione attraverso un monocromo nero che toglie identità di genere ai soggetti, uniformando corpi e sfondo senza far perdere risalto alla plasticità dei soggetti e alle forme dei muscoli in tensione.
BlackDust è una ricerca di tre anni sul corpo umano, l’ultilizzo della cenere e del carbone si allaccia al tema dei cicli della vita, molto caro a Olivier Valsecchi. Le pose scelte dall’artista, che in questo caso svolge la funzione di coreografo e direttore d’orchestra, sono tutte di tensione ed esplosività. Le braccia si contorcono e i tendini tirano le fibre, trasformando un ammasso di carne in una montagna su cui franano detriti vulcanici lanciati in cielo e pronti a sedimentarsi. Valsecchi ha scelto di concentrarsi sul momento di azione, in una narrazione che prima di voler vedere i sedimenti si gode lo spettacolo dell’esplosione.

Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Olivier Valsecchi | Collater.al
Photographyphotography
Scritto da Tommaso Berra
x
Ascolta su