Art Tornare a respirare, con le opere di Alvaanq
Artpainting

Tornare a respirare, con le opere di Alvaanq

Con la mostra “Respira”, Alvaanq esprime l’effetto di un respiro profondo: toccare la profondità della propria essenza.
-
Giulia Guido

Il peggior incubo di un creativo? Essere racchiusi in una casella, una definizione che spesso si trasforma in una gabbia. Come evitare che questo succeda? Non tradire mai la propria essenza e non dimenticarsi mai da dove si arriva, ed è proprio ciò che ha fatto Alvaanq con la sua ultima mostra. 

Alvaanq, al secolo Alvaro Javier Cecchetti, oggi è un Creative & Art Director che parallelamente continua a portare avanti un percorso artistico individuale che gli permette di dare sfogo a tutto ciò che fa parte del suo background fatto di ritmo, grafica e street art. A riprova di ciò, lo scorso 29 aprile, Alvaanq ha presentato al pubblico “Respira” la sua prima personale, prodotta da Waamoz e comunicata in esclusiva da Collater.al. Ha deciso di non farlo in un luogo a caso, bensì a Los Angeles, presso lo spazio espositivo Pauhaus, al 5235 di Melrose Avenue. 

Alla presenza di amici e curiosi, l’artista ha svelato 8 nuove opere tra stampe e tele realizzate a mano. Inoltre, Alvaanq si è esibito in una performance di live painting, permettendo al pubblico di seguirlo nel processo di creazione di una tela e scoprire a 360° la sua tecnica. Come ha commentato il curatore Andrea Lazzari: «Attraverso “Respira” Alvaanq esprime l’effetto di un respiro profondo: toccare la profondità della propria essenza».

Artpainting
Scritto da Giulia Guido
x
Ascolta su