Il mondo dietro uno specchio, gli scatti romantici NSFW di František Konopa

Il mondo dietro uno specchio, gli scatti romantici NSFW di František Konopa

Giulia Pacciardi · 5 mesi fa · Photography

František Konopa è un giovane fotografo autodidatta della Repubblica Ceca che usa l’arte per comunicare il suo io più nascosto.
I suoi scatti rappresentano la bellezza più reale, quella dei volti, dei loro sorrisi e dei loro occhi, quando sono soli e quando amano.
Uno dei suoi ultimi progetti è una collezione di scatti in bianco e nero che parlano di amore e che lui, sul suo profili Instagram, ha riunito sotto il nome di Il mondo dietro uno specchio.

Un mondo fatto di carezze, corpi che si sfiorano, che si dividono e si ritrovano in uno specchio, l’oggetto che racchiude, mostra e nasconde.

Dei delicati scatti NSFW che, con eleganza e senza eccesso, mostrano l’intimità di una giovane coppia per cui l’amore è il mondo.

Il mondo dietro uno specchio, gli scatti romantici NSFW di František Konopa
Photography
Il mondo dietro uno specchio, gli scatti romantici NSFW di František Konopa
Il mondo dietro uno specchio, gli scatti romantici NSFW di František Konopa
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Le manipolazioni fotografiche di Alex Lysakowski

Le manipolazioni fotografiche di Alex Lysakowski

Collater.al Contributors · 5 mesi fa · Photography

Alex Lysakowski è un giovane fotografo canadese le quali produzioni sono principalmente influenzate da progetti e manuali di ingegneria sfogliati da piccolo nell’ufficio del padre.Crea immagini che eludono uno spazio di transizione tra realtà e finzione pur mantenendo il realismo all’interno dell’atmosfera dell’immagine.

La sua ultima serie “antistructures” esplora l’architettura industriale attraverso la manipolazione fotografica digitale su edifici ed elementi le cui porzioni sono allungate oltre ogni possibilità. Dopo aver visitato l’Ontario meridionale, cattura strutture che trasforma in monumenti surreali simili a Tetris, animando un ambiente altrimenti banale.

Il tetto di un hotel autostradale si deforma in una struttura serpeggiante, l’altezza di un rimorchio si estende di dieci volte e così via.

Il risultato è quindi una serie di elementi scultorei dal carattere stravagante.

Ti proponiamo sotto una selezione del suo lavoro, e per scoprire di più clicca qui.

Testo di Giordana Bonanno

Le manipolazioni fotografiche di Alex Lysakowski
Photography
Le manipolazioni fotografiche di Alex Lysakowski
Le manipolazioni fotografiche di Alex Lysakowski
1 · 11
2 · 11
3 · 11
4 · 11
5 · 11
6 · 11
7 · 11
8 · 11
9 · 11
10 · 11
11 · 11
Dryland, il Medio Oriente nel progetto fotografico di Edouard Sepulchre

Dryland, il Medio Oriente nel progetto fotografico di Edouard Sepulchre

Giulia Guido · 5 mesi fa · Photography

Edouard Sepulchre è un fotografo francese che ha deciso di scoprire i territori tra il Maghreb e il Medio Oriente pedalando chilometri e chilometri sulla sua bicicletta, una mano sul manubrio e una sulla macchina fotografica pronta a scattare. Tutte le sue fotografie, poi, le ha racchiuse nella serie intitolata Dryland, una terra immaginaria dove tutto potrebbe essere possibile, ma qui il tempo sembra essersi fermato, lasciando tutto a metà, incompiuto. 

Tra la sabbia, il cielo e le montagne, però si possono vedere le prove della presenza umana, costruzioni quasi abbandonate, segni di ruote sulla strada sterrata, a volte qualche ambulante o qualche insegna. 

“L’Occidente americano è al centro del mio fascino per i deserti e i luoghi aridi. Un territorio paradossalmente vuoto ma ricco di simboli. Lì tutto mi ricorda l’incompiuto, l’intermedio. Tutto si sta costruendo.”

Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland di Edouard Sepulchre | Collater.al 2
Dryland, il Medio Oriente nel progetto fotografico di Edouard Sepulchre
Photography
Dryland, il Medio Oriente nel progetto fotografico di Edouard Sepulchre
Dryland, il Medio Oriente nel progetto fotografico di Edouard Sepulchre
1 · 15
2 · 15
3 · 15
4 · 15
5 · 15
6 · 15
7 · 15
8 · 15
9 · 15
10 · 15
11 · 15
12 · 15
13 · 15
14 · 15
15 · 15
Le giovani donne di Sam Livm, libere e sensuali

Le giovani donne di Sam Livm, libere e sensuali

Giulia Guido · 5 mesi fa · Photography

Sono spensierate, libere, belle, vere e sensuali, le giovani donne immortalate dalla macchina fotografica di Sam Livm. Sam è nato a Manchester ma oggi vive e lavora a New York, città che gli ha permesso di portare avanti le sue due grandi passioni, la regia e la fotografia. Mentre attraverso la prima cerca di dare forma alle sue idee, la seconda, a cui si è avvicinato nel 2012, gli permette di rappresentare il mondo così com’è, quasi in modo documentaristico. 

Al centro del suo obiettivo vediamo soprattutto volti e corpi di giovani donne, soggetto perfetto per trasmettere quel senso di libertà che si respira a vent’anni, quando tutto sembra possibile e si gode di ogni attimo della vita. 

Con gli anni la sua tecnica è cambiata e si è evoluta e se all’inizio l’unico soggetto del suo lavoro erano le persone che fotografava, pian piano il riflettore si è spostato su di lui, trasformando la macchina fotografica nel mezzo per trasmettere le sue sensazioni, le sue emozioni. Questo cambiamento ha trasformato il suo stile, rendendolo reale, quasi palpabile, ma allo stesso tempo intimo e unico. 

Qui sotto trovi i nostri scatti preferiti, per scoprire di più su Sam Livm vai sul suo sito.

Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Sam Livm | Collater.al
Le giovani donne di Sam Livm, libere e sensuali
Photography
Le giovani donne di Sam Livm, libere e sensuali
Le giovani donne di Sam Livm, libere e sensuali
1 · 16
2 · 16
3 · 16
4 · 16
5 · 16
6 · 16
7 · 16
8 · 16
9 · 16
10 · 16
11 · 16
12 · 16
13 · 16
14 · 16
15 · 16
16 · 16
Gli autoritratti minimali ed espressivi di Zezn

Gli autoritratti minimali ed espressivi di Zezn

Giulia Guido · 5 mesi fa · Photography

La perfezione della costruzione dell’immagine è il punto di forze di Zezn, fotografa giapponese che ha deciso di essere lei stessa il soggetto, anzi, l’unico soggetto dei suoi scatti. La pelle bianca avorio e i lunghi e fluenti capelli neri si prestano benissimo al bianco e nero, tecnica che permette a Zezn di mostrare tutta la sua bravura nel calibrare, creare e bilanciare i punti di luce con quelli d’ombra. 

La fotografa giapponese crea forme intricate e complesse giocando con le linee del suo corpo che si muove liberamente nello spazio e che spesso vediamo interamente, mentre altre volte scorgiamo solo un braccio, qualche ciocca di capelli o parte della schiena. 

Guardare i suoi scatti vi darò un improvviso senso di leggerezza, sospesi nel tempo, come una piuma che scappa dall’appoggiarsi sul suolo. 

Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Zezn | Collater.al
Gli autoritratti minimali ed espressivi di Zezn
Photography
Gli autoritratti minimali ed espressivi di Zezn
Gli autoritratti minimali ed espressivi di Zezn
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12