Art I portali nel deserto di Shirin Abedinirad
Artinstallationland art

I portali nel deserto di Shirin Abedinirad

-
Giorgia Massari

La visual artist iraniana Shirin Abedinirad (1986) pone al centro della sua ricerca la natura. Dopo un periodo dedicato interamente alle performance, portate in scena in tutto l’Iran – nelle quali ha affrontato temi densi come le questioni di genere, la sessualità e la compassione umana – oggi Shirin si dedica in pieno alla Land art. Le sue installazioni, spesso collocate in ambientazioni desertiche, attingono dalla sfera surrealista soprattutto nella scelta dell’oggetto. Le porte e le scale sono protagoniste ricorrenti delle sue installazioni, sempre accompagnate dall’elemento dello specchio che acquista un aspetto semantico rilevante. Elementi strutturali abitualmente funzionali, perdono qui il loro scopo originale. Realisticamente non conducono a niente, a nessun altro ambiente, in nessun luogo reale. La componente dello specchio crea però una possibilità e trasforma oggetti quotidiani in possibili portali verso una dimensione altra, perlopiù interiore e intima. Per Shirin Abedinirad, l’intenzione è quella di generare nello spettatore un interrogativo, «Chi o che cosa incontriamo attraversando quel confine? Chi vediamo riflesso nella porta?»

Courtesy Shirin Abedinirad

Artinstallationland art
Scritto da Giorgia Massari
x
Ascolta su