“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente

“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente

Emanuele D'Angelo · 2 settimane fa · Design, Design

È tornato e ancora una volta Vincent Leroy ci ha stupito.
Dopo Tokyo, adesso il designer francese ha fatto ritorno nella sua città con la sua ultima installazione “Slow lens”.
Ha creato una tenda di lenti che si muove costantemente su se stessa di fronte al celebre museo Louvre

L’architetto francese è noto per i lavori con gli specchi, questo progetto intende offrire allo spettatore una “immersione dislocata della realtà e una contemplazione astratta“. Astraendo e frammentando l’architettura esistente, la ricompone in una sorta di rete. Ancora una volta ci ha regalato un’installazione d’arte dinamica che offre una prospettiva alternativa di Parigi.  

La materialità e il design rendono l’installazione leggera e fluida, quasi volatile. Le lenti rompono mutano il paesaggio circostante, deformando l’aspetto del simbolo iconico della città. L’installazione genera un effetto visivo di distorsione ripetitiva che cattura l’attenzione dei visitatori.  

Slow lens” funge da filtro tra la realtà e le persone, offrendo un’esperienza onirica. Le lenti creano uno scenario sfocato che diventa un gioco enigmatico e intrigante, di notte, le luci circostanti vengono diffratte nelle lenti, facendole apparire distaccate dal mondo reale.
Inoltre per arricchire l’installazione il musicista Jérôme Echenoz ha creato un’opera sonora intorno all’installazione che assomiglia a loop di onde elettroniche.

“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
Design
“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
“Slow lens”, il Louvre sotto un’altra lente
1 · 410
2 · 410
3 · 410
4 · 410
5 · 410
6 · 410
7 · 410
8 · 410
9 · 410
10 · 410
11 · 410
12 · 410
13 · 410
14 · 410
15 · 410
16 · 410
17 · 410
18 · 410
19 · 410
20 · 410
21 · 410
22 · 410
23 · 410
24 · 410
25 · 410
26 · 410
27 · 410
28 · 410
29 · 410
30 · 410
31 · 410
32 · 410
33 · 410
34 · 410
35 · 410
36 · 410
37 · 410
38 · 410
39 · 410
40 · 410
41 · 410
42 · 410
43 · 410
44 · 410
45 · 410
46 · 410
47 · 410
48 · 410
49 · 410
50 · 410
51 · 410
52 · 410
53 · 410
54 · 410
55 · 410
56 · 410
57 · 410
58 · 410
59 · 410
60 · 410
61 · 410
62 · 410
63 · 410
64 · 410
65 · 410
66 · 410
67 · 410
68 · 410
69 · 410
70 · 410
71 · 410
72 · 410
73 · 410
74 · 410
75 · 410
76 · 410
77 · 410
78 · 410
79 · 410
80 · 410
81 · 410
82 · 410
83 · 410
84 · 410
85 · 410
86 · 410
87 · 410
88 · 410
89 · 410
90 · 410
91 · 410
92 · 410
93 · 410
94 · 410
95 · 410
96 · 410
97 · 410
98 · 410
99 · 410
100 · 410
101 · 410
102 · 410
103 · 410
104 · 410
105 · 410
106 · 410
107 · 410
108 · 410
109 · 410
110 · 410
111 · 410
112 · 410
113 · 410
114 · 410
115 · 410
116 · 410
117 · 410
118 · 410
119 · 410
120 · 410
121 · 410
122 · 410
123 · 410
124 · 410
125 · 410
126 · 410
127 · 410
128 · 410
129 · 410
130 · 410
131 · 410
132 · 410
133 · 410
134 · 410
135 · 410
136 · 410
137 · 410
138 · 410
139 · 410
140 · 410
141 · 410
142 · 410
143 · 410
144 · 410
145 · 410
146 · 410
147 · 410
148 · 410
149 · 410
150 · 410
151 · 410
152 · 410
153 · 410
154 · 410
155 · 410
156 · 410
157 · 410
158 · 410
159 · 410
160 · 410
161 · 410
162 · 410
163 · 410
164 · 410
165 · 410
166 · 410
167 · 410
168 · 410
169 · 410
170 · 410
171 · 410
172 · 410
173 · 410
174 · 410
175 · 410
176 · 410
177 · 410
178 · 410
179 · 410
180 · 410
181 · 410
182 · 410
183 · 410
184 · 410
185 · 410
186 · 410
187 · 410
188 · 410
189 · 410
190 · 410
191 · 410
192 · 410
193 · 410
194 · 410
195 · 410
196 · 410
197 · 410
198 · 410
199 · 410
200 · 410
201 · 410
202 · 410
203 · 410
204 · 410
205 · 410
206 · 410
207 · 410
208 · 410
209 · 410
210 · 410
211 · 410
212 · 410
213 · 410
214 · 410
215 · 410
216 · 410
217 · 410
218 · 410
219 · 410
220 · 410
221 · 410
222 · 410
223 · 410
224 · 410
225 · 410
226 · 410
227 · 410
228 · 410
229 · 410
230 · 410
231 · 410
232 · 410
233 · 410
234 · 410
235 · 410
236 · 410
237 · 410
238 · 410
239 · 410
240 · 410
241 · 410
242 · 410
243 · 410
244 · 410
245 · 410
246 · 410
247 · 410
248 · 410
249 · 410
250 · 410
251 · 410
252 · 410
253 · 410
254 · 410
255 · 410
256 · 410
257 · 410
258 · 410
259 · 410
260 · 410
261 · 410
262 · 410
263 · 410
264 · 410
265 · 410
266 · 410
267 · 410
268 · 410
269 · 410
270 · 410
271 · 410
272 · 410
273 · 410
274 · 410
275 · 410
276 · 410
277 · 410
278 · 410
279 · 410
280 · 410
281 · 410
282 · 410
283 · 410
284 · 410
285 · 410
286 · 410
287 · 410
288 · 410
289 · 410
290 · 410
291 · 410
292 · 410
293 · 410
294 · 410
295 · 410
296 · 410
297 · 410
298 · 410
299 · 410
300 · 410
301 · 410
302 · 410
303 · 410
304 · 410
305 · 410
306 · 410
307 · 410
308 · 410
309 · 410
310 · 410
311 · 410
312 · 410
313 · 410
314 · 410
315 · 410
316 · 410
317 · 410
318 · 410
319 · 410
320 · 410
321 · 410
322 · 410
323 · 410
324 · 410
325 · 410
326 · 410
327 · 410
328 · 410
329 · 410
330 · 410
331 · 410
332 · 410
333 · 410
334 · 410
335 · 410
336 · 410
337 · 410
338 · 410
339 · 410
340 · 410
341 · 410
342 · 410
343 · 410
344 · 410
345 · 410
346 · 410
347 · 410
348 · 410
349 · 410
350 · 410
351 · 410
352 · 410
353 · 410
354 · 410
355 · 410
356 · 410
357 · 410
358 · 410
359 · 410
360 · 410
361 · 410
362 · 410
363 · 410
364 · 410
365 · 410
366 · 410
367 · 410
368 · 410
369 · 410
370 · 410
371 · 410
372 · 410
373 · 410
374 · 410
375 · 410
376 · 410
377 · 410
378 · 410
379 · 410
380 · 410
381 · 410
382 · 410
383 · 410
384 · 410
385 · 410
386 · 410
387 · 410
388 · 410
389 · 410
390 · 410
391 · 410
392 · 410
393 · 410
394 · 410
395 · 410
396 · 410
397 · 410
398 · 410
399 · 410
400 · 410
401 · 410
402 · 410
403 · 410
404 · 410
405 · 410
406 · 410
407 · 410
408 · 410
409 · 410
410 · 410
The Guestbook: la nostra intervista a João Marques

The Guestbook: la nostra intervista a João Marques

Giulia Guido · 2 mesi fa · Photography

Ci sono bastati pochi secondi sul suo profilo Instagram, per innamorarci degli scatti di João Marques, fotografo di Lisbona.

Se dovessimo trovare una parola con cui descrivere le sue fotografie è contemplazione, legata sia ai soggetti che scatta sia agli spettatori. Infatti, molte delle sue immagini ritraggono figure di profilo o viste di schiena con gli occhi puntati verso il cielo, di notte, di giorno, al tramonto, pieno di stelle o illuminato dalle luci della città. Come loro, anche noi rimaniamo completamente incantati dai suoi lavori.

Incuriositi abbiamo fatto qualche domanda a João Marques che ci ha raccontato come è nata la sua passione per la fotografia.

Raccontaci come ti sei avvicinata alla fotografia. C’è un momento in particolare che ti ricordi?

È iniziato tutto quando avevo circa 13 anni, a quel tempo ho chiesto a mio padre di provare la sua macchina fotografica digitale, era una Olympus e per me è stata una figata. Ho iniziato a fare per lo più ritratti dei miei amici ed è stata una cosa che mi è sempre rimasta impressa negli anni della scuola. Vivevo in una città molto piccola e la fotografia è diventata il mio hobby, filmavo e fotografavo sempre i miei amici. A 17 anni mi sono trasferito a Lisbona per finire il liceo e l’anno successivo ho frequentato la scuola di cinema. In quei tre anni mi sono concentrato soprattutto sul cinema, ho guardato molti film e ho coltivato di più la mia passione per il cinema. Solo nel 2018, dopo aver finito la laurea e aver diretto il mio primo cortometraggio “Incomum”, mi sono fermato un attimo e ho pensato che poteva essere una buona idea approfondire le mie conoscenze sulla fotografia, che ha fatto parte della mia vita per tanto tempo ma mai consapevolmente. Sono andato alla Ar.Co e ho fatto un corso di un anno e in quel momento ho ricominciato a farlo, e ho continuato ad andare avanti.

Cosa è per te la fotografia e cosa cerchi di raccontare attraverso i tuoi scatti?

La maggior parte delle volte lavoro d’istinto, quindi non c’è molta riflessione dietro il mio lavoro. A questo punto una cosa che ho capito di me stesso è che ho il bisogno di creare e di esprimermi artisticamente in qualche forma. Amo il fatto che la fotografia mi abbia dato questa opportunità di produrre istantaneamente, di creare un’idea o di esprimere la mia percezione di un sentimento su un’immagine. Per qualcuno come me che ha già un background anche sul mondo del cinema, dove tutto è molto più complesso e coinvolge molte persone, la fotografia mi dà la possibilità di fare quasi da moodboard a come voglio che siano i miei film. 

Quali attrezzature utilizzi per scattare? Quali strumenti porti con te quando scatti e perché?

Ho girato sia in analogico che in digitale. La mia fotocamera digitale è una Sony A7 III e la mia fotocamera a pellicola è una Pentax K1000. È divertente perché in realtà non ho mai avuto altre fotocamere a pellicola. Stavo pensando di passare a una macchina fotografica da 120 mm, ma per ora continuo a usare questa. Non mi piace fare molta pianificazione, quindi credo che la maggior parte delle volte non prendo nient’altro oltre alla macchina fotografica. Se prendo qualcosa sarebbe una piccola luce o qualche oggetto di scena che vorrei usare per lo scatto.

C’è uno scatto a cui sei più legato? Puoi raccontarcelo?

Se dovessi scegliere una sola immagine, forse questa. Questa immagine è stata scattata intorno alle 2 del mattino del 1° gennaio 2019. Questo è stato il giorno in cui ho iniziato questa serie che ho intitolato ‘the sky is a painting’ di scatti notturni. Questa rappresenta tutte le altre immagini notturne simili che ho fatto. Mi sono sempre sentito legato alla notte e al cielo. Ero abituato a fissare molto il cielo e ad avere uno di quei momenti in cui mi rendo conto di quanto siamo piccoli. Mi piace giocare con questa idea dell’umano contro l’universo. In futuro vorrei fare un libro fotografico con tutti i miei scatti atmosferici notturni.

Ci sono artisti che segui o ai quali ti ispiri?

Certo, ci sono altri fotografi che seguo attraverso i social media che trovo stimolanti, per lo più penso che ciò che mi attrae sia un punto di vista personale del mondo e della vita. Alcuni artisti che consiglio vivamente di vedere sono Mia Novakova, Maya Beano, Tristan Hollingsworth e Edie Sunday, per esempio. Tuttavia penso che ciò a cui mi ispiro di più siano i film. Alcuni registi che mi hanno ispirato sono David Lynch, Jonas Mekas, Teresa Villaverde, Wong Kar-Wai e Robert Bresson.

The Guestbook: la nostra intervista a João Marques
Photography
The Guestbook: la nostra intervista a João Marques
The Guestbook: la nostra intervista a João Marques
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram

Giulia Guido · 2 mesi fa · Photography

Ogni giorno, sul nostro profilo Instagram, vi chiediamo di condividere con noi le vostre immagini e fotografie più belle. 
Per la raccolta InstHunt di questa settimana abbiamo selezionato le vostre 10 migliori proposte: @carla_sutera_sardo, @odetteombra, @lmashtalerova, @siria.d.angelis, @moulayahmed2.0, @paolatala_10, @francescaersilia1, @adriano.losacco, @valeriaroscini, @martinanorii_.

Tagga @collateral.photo per essere selezionato e pubblicato nel prossimo numero di InstHunt.

View this post on Instagram

EST. TRAMONTO – #ontheroof

A post shared by reveriesdupromeneur (@adriano.losacco) on

View this post on Instagram

#viteinlockdown #selfportrait

A post shared by valeria roscini (@valeriaroscini) on

InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
Photography
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
InstHunt – Le 10 migliori foto della settimana su Instagram
1 · 1
Erotic Photography, l’ultimo libro di Leonardo Glauso

Erotic Photography, l’ultimo libro di Leonardo Glauso

Giulia Guido · 2 mesi fa · Photography

Sensuali e passionali, belli come le ragazze che ritraggono e in bianco e nero, sono gli scatti di Leonardo Glauso racchiusi nel suo ultimo libro “Erotic Photography”. 

Classe 1989, Leonardo è nato e cresciuto a Firenze, città che dopo tutti i suoi viaggi e i suoi trasferimenti lo ha visto tornare. Infatti dopo aver lavorato a Milano e nelle più importanti città europee oggi vive e lavora nella sua città natale. Dopo essersi laureato Graphic Design ha deciso di dedicarsi interamente alla fotografia, proseguendo gli studi presso la Scuola internazionale di Fotografia di Firenze. 

Con il tempo si è specializzato in fotografia di nudo artistico e di moda e oggi conta svariate collaborazioni con nomi nazionali e internazionali come GQ, Icon EL PAÍS, Schön! Magazine e tanti altri. 

È proprio sul nudo artistico che si focalizza Erotic Photography il suo ultimo libro che arriva dopo altre cinque pubblicazioni degne di nota Naked Girls, Private Nudes, Model Casting, Women in Film e Nude Book

Erotic Photography è una collezione di scatti tutti rigorosamente in bianco e nero che svelano i corpi delle ragazze protagoniste come se fossero delle sculture in marmo. Il gioco di luci e ombre, che a volte rivela e altre nasconde, sottolinea le linee e le forme delle modelle, unico vero elemento delle fotografie. Niente elementi di disturbo, niente fronzoli, nulla ci distrae dalla bellezza sensuale, pura e intima dei corpi. 

È possibile acquistare Erotic Photography a questo link, se invece siete curiosi di scoprire di più su Leonardo Glauso andate a visitare il suo sito

Erotic Photography, l’ultimo libro di Leonardo Glauso
Photography
Erotic Photography, l’ultimo libro di Leonardo Glauso
Erotic Photography, l’ultimo libro di Leonardo Glauso
1 · 6
2 · 6
3 · 6
4 · 6
5 · 6
6 · 6
“The great empty” visto dal New York Times

“The great empty” visto dal New York Times

Emanuele D'Angelo · 2 mesi fa · Photography

Da Parigi a New York, passando per Monaco, Los Angeles, Hong Kong, Pechino, Milano e Nuova Delhi, il nuovo progetto del New York Times, racconta il lockdown causato dal covid-19 nel progetto “The great empty”.
Sempre più paesi sono costretti ad adottare restrizioni di uscita più o meno severe per combattere la pandemia. Mentre paesi come l’Italia hanno adottato regole di contenimento totale, altre nazioni hanno finora “semplicemente” chiuso alcune aree. Tutto il mondo vive un’atmosfera irreale, i luoghi pubblici vengono abbandonati dalla gente e i supermercati presi d’assalto.

Il New York Times presenta al meglio il suo progetto: “Questo vuoto attuale è una necessità sanitaria. Può far pensare alla distopia, non al progresso. Ma alla fine conferma anche che, ascoltando gli esperti e restando a casa, non abbiamo perso la nostra capacità di unirci per il bene collettivo. Queste immagini ti perseguitano e ti perseguiteranno, sembrano film apocalittici, ma in un certo senso trasmettono anche un messaggio di speranza”.

Il progetto del New York Times contempla il vuoto creato dall’isolamento in luoghi solitamente affollati, caotici, pieni di gente. Un modo per illustrare e ricordare il cambiamento radicale delle nostre abitudini in questi tempi di crisi sanitaria globale. 
Dai luoghi turistici ai piccoli ristoranti tipici, è l’assenza di vita a sconvolgere questi posti comuni, ognuno più suggestivo dell’altro.

Scatti che racontano il silenzio di tante città, con l’auspicio che si possa tornare più in fretta possibile alla vita di tutti i giorni.

“The great empty” visto dal New York Times
Photography
“The great empty” visto dal New York Times
“The great empty” visto dal New York Times
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18