Art Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith
Artart

Le statue classiche al cubo di Adam Parker Smith

-
Tommaso Berra
Adam Parker Smith | Collater.al

Appaiono come uno scherzo le opere di Adam Parker Smith, un nuovo capitolo di quel gioco che ha da secoli spinto gli artisti a dissacrare i simboli della tradizione pittorica e scultorea.
L’artista americano realizza le sue opere utilizzando differenti materiali e adottando metodi diversi in base allo scopo, da solo o coinvolgendo altri nelle creazioni, i soggetti delle sue opere sono spesso estratti dalle sue paure, desideri, ossessioni, cotte e gelosie.

Uno dei lavori più interessanti tra quelli firmati da Adam Parker Smith è appunto la serie nella quale l’artista “chiude” in 1 metro cubo di marmo di Carrara alcune delle statue più famose della storia dell’arte. Il senso è quello di vedere il meglio dell’arte classica rottamato come una vecchia macchina, ridotta a nient’altro che un rifiuto, senza maestosità, altezza e eleganza tipica di queste opere.

La tecnica con cui è riuscito a replicare esattamente i dettagli delle statue elleniche e barocche è il risultato di un lavoro in cui ha partecipato anche il team di ricerca digitale di musei come gli Uffizi. I programmi di modellazione 3D hanno aiutato infatti l’artista a ridurre le opere senza alternarne le proporzioni.
Per le sue sculture Smith ha coinvolto poi intagliatori e robot, stravolgendo non solo nel concetto il significato di opera d’arte come prodotto dell’ingegno dell’uomo.
Tra le opere più famose della storia dell’arte Smith ha scelto tra le altre l’ Apollo del Belvedere , Cupido Trionfante , David del Bernini e Augusto di Prima Porta, per un omaggio che ha sostanza e umorismo stilistico.

Artart
Scritto da Tommaso Berra
x
Ascolta su