Un sogno chiamato Florida, il nuovo film di Sean Baker

avatar
12 marzo 2018

Il nuovo film di Sean Baker, Un sogno chiamato florida, è la storia di tre bambini che grazie alla loro immaginazione riescono a colorare il grigiore della provincia americana.

Proprio accanto al magico mondo di DisneyWorld, in uno motel rosa vivono 3 bambini con le loro mamme, che armati di fantasia e intelligenza sopravvivono alla monotonia della squallida vita bordeline della provincia americana. In breve questa è la storia del nuovo film, Un sogno chiamato Florida, del regista indipendente Sean Baker, il quale precedentemente aveva già attirato l’attenzione su di se con il film Tangerine.

Come abbiamo visto già nelle prime righe la storia è molto semplice e forse anche banale, ma è proprio il taglio registico a rende questo film qualcosa di unico. Tutto il film è girato dal punto di vista dei 3 piccoli protagonisti il che rende la storia molto simile ad un romanzo di avventura solo che invece di avere la cornice della campagna del diciannovesimo secolo, ne abbiamo una fatta di pacchiane costruzioni colorate e programmi telesivi trash. Oltre alla storia molto naive ma mai esagerata o con pietismi, è importante per la riuscita del film anche l’approccio estetico. Quest’ultimo infatti sovrasta ogni frame della pellicola: i colori molto accessi fanno si a pugni con il grigiore sociale ma d’altro canto esaltano il mondo visto dagli occhi dei bambini dove tutto è esagerato, magico e molto simile ad un sogno.

Il film uscirà nelle sale il 22 Marzo ma nel frattempo abbiamo in trailer, quindi godiamocelo.

Un sogno chiamato Florida il nuovo film di Sean Baker | Collater.al 3 Un sogno chiamato Florida il nuovo film di Sean Baker | Collater.al 1 Un sogno chiamato Florida il nuovo film di Sean Baker | Collater.al 5 Un sogno chiamato Florida il nuovo film di Sean Baker | Collater.al 4

Un sogno chiamato Florida il nuovo film di Sean Baker | Collater.al 2

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share