SPIRIT 002, la collezione di Wekafore specchio dell’estetica africana

SPIRIT 002, la collezione di Wekafore specchio dell’estetica africana

Giulia Pacciardi · 11 mesi fa · Style

Tra i nuovi brand emergenti che dovete tenere d’occhio spicca Wekafore, nato dall’idea di Wekaforé Maniu Jibril. Nel suo brand nato nel 2013 è riuscito a racchiudere tutta la sua storia, le sue origini nigeriane, gli insegnamenti del nonno, la tradizionale cultura africana e le nuove tendenze. In questo modo Wekafore riesce a distinguersi in un mondo sempre più saturo per la sua estetica tutta africana che riesce a trovare un punto in comune tra passato e futuro, tra primitivo e contemporaneo. 

In occasione dell’uscita di SPIRIT 002, ovvero il secondo capitolo di una serie di collezioni multidisciplinari, abbiamo parlato con lo stesso Wekaforé che ci raccontato la sua personale visione della moda. 

Raccontaci un po’ di te, della tua storia, del tuo background e di ciò che hai fatto prima di decidere di fondare un tuo brand. 

Io sono nigeriano, nato e cresciuto a Lagos fino a 13 anni. Prima di fondare il mio brand ero un aspirante calciatore, poi avrei voluto diventare un predicatore e poi, ancora, avrei voluto fare l’architetto e alla fine sono arrivato a questo un po’ per caso un po’ per necessità. 

Il mondo della moda è in continua evoluzione e il mercato sta diventando sempre più competitivo, quali pensi siano gli elementi che possono determinare il successo di un marchio? 

Io credo che essere ingegnosi sia essenziale, ma non così importante come avere dei contatti famosi. Il mercato è più che saturo ed è un mondo di squali, quindi credo che si debba sfruttare qualsiasi cosa, che sia ingegno o contatti. 

Quali sono le tue principali fonti di ispirazione e come funziona il tuo processo creativo? 

L’antropologia sociale dal Terzo Mondo in su. Il ritorno delle brughiere in Europa, il travisamento e la scarsa rappresentazione, l’americanizzazione dei neri africani. Venendo da Lagos, dalla parte povera e bassa della città, mi sono ritenuto responsabile di mostrare che ciò che la maggior parte delle persone percepisce come primitivo, non istruito o povero può essere anche arte alta e può proporre idee per il futuro del mondo.

Cosa succede quando inizia a lavorare a una collezione? 

Prima di mettere la matita sul foglio, lascio marinare un sacco di cose nella mia testa. Inizio con la letteratura, il romanticismo e la compassione. Mi guardo attorno e penso a come comunicare alla gente che mi circonda queste visoni complesse. 

Cosa caratterizza la tua ultima collezione e come la descriveresti? 

Primitiva, futuristica, nera, romantica, tecnologica, formale. Ok, vi lascio il tempo di assimilare il tutto. 

Quali sono i tuoi prossimi progetti? 

Continuerò a espandere il mio brand e farlo diventare una filosofia di vita, sviluppato in diverse discipline e formati, ma tutti provenienti dallo stesso flusso di coscienza. Stiamo realizzando una nuova serie di film, di eventi, di musiche e di nuove collezioni. 

SPIRIT 002 Wekafore | Collater.al
SPIRIT 002 Wekafore | Collater.al
SPIRIT 002 Wekafore | Collater.al
SPIRIT 002 Wekafore | Collater.al
SPIRIT 002 Wekafore | Collater.al
SPIRIT 002, la collezione di Wekafore specchio dell’estetica africana
Style
SPIRIT 002, la collezione di Wekafore specchio dell’estetica africana
SPIRIT 002, la collezione di Wekafore specchio dell’estetica africana
1 · 5
2 · 5
3 · 5
4 · 5
5 · 5
Airbnb ti fa dormire nella Piramide del Louvre

Airbnb ti fa dormire nella Piramide del Louvre

Claudia Fuggetti · 11 mesi fa · Art, Style

Hai mai pensato che sarebbe stato possibile dormire all’interno della Piramide del Louvre? Bene, la catena Airbnb e il famoso museo hanno deciso di mettere in palio un premio per due persone, che soggiorneranno in una delle istituzioni d’arte più famose al mondo.

Il 30 aprile, i due fortunati ospiti avranno un assaggio di come ci si sente a passare tutta la notte al museo ed avranno la possibilità di visitare l’intera struttura, accompagnati da uno storico dell’arte. Successivamente, i visitatori saranno invitati a sorseggiare una bevanda alcolica d’ispirazione rinascimentale davanti alla Gioconda, aperitivo che precederà una romantica cena al cospetto della Venere di Milo. Per concludere la serata, la coppia potrà anche godersi un concerto nella stravagante camera di Napoleone III.

Non resta che tentare! Per poter partecipare al concorso basterà compilare, entro il 12 aprile, il form di iscrizione a questo indirizzo, rispondendo alla seguente domanda:

“Perché saresti l’ospite perfetto di Monna Lisa?”.

Airbnb ti fa dormire nella Piramide del Louvre
Art
Airbnb ti fa dormire nella Piramide del Louvre
Airbnb ti fa dormire nella Piramide del Louvre
1 · 9
2 · 9
3 · 9
4 · 9
5 · 9
6 · 9
7 · 9
8 · 9
9 · 9
Fuze Them All, la capsule collection Octopus x MadMan che celebra Rainbow Six

Fuze Them All, la capsule collection Octopus x MadMan che celebra Rainbow Six

Giulia Guido · 11 mesi fa · Style

Era il 2017 quando il rapper MadMan e il brand milanese Octopus collaborarono per la prima volta. Ora, a distanza di due anni, questa collaborazione si rinnova con un progetto realizzato per celebrare il mondo dei videogiochi. Nella capsule collection Fuze Them All, Madman ha avuto la possibilità di racchiudere tutta la sua passione per il mondo dei videogame, e di uno in particolare, Rainbow 6.

La collezione, che è stata realizzata in collaborazione con Ubisoft, si compone di una felpa e due t-shirt che si ispirano in particolare modo al personaggio preferito di Madman, ovvero Fuze, da cui prende il nome l’intera collezione. 

La Fuze Them All è un’edizione limitata completamente Made in Italy e sono stati realizzati solo 150 pezzi per capo. L’intera capsule collection sarà disponibile a partire da venerdì 5 aprile sull’Octopus Online Store e press lo IUTER Store Milano. 

Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All Octopus x Madman Rainbow Six | Collater.al 2
Fuze Them All, la capsule collection Octopus x MadMan che celebra Rainbow Six
Style
Fuze Them All, la capsule collection Octopus x MadMan che celebra Rainbow Six
Fuze Them All, la capsule collection Octopus x MadMan che celebra Rainbow Six
1 · 8
2 · 8
3 · 8
4 · 8
5 · 8
6 · 8
7 · 8
8 · 8
In occasione di Esposiziometro, Eppol Milano ospita le opere di Federico Ricotti

In occasione di Esposiziometro, Eppol Milano ospita le opere di Federico Ricotti

Giulia Guido · 10 mesi fa · Art

Si chiama Esposiziometro ed è l’ultimo progetto firmato Alessio Pomioli e Collater.al che nasce dalla voglia di dare voce e visibilità a pittori, fotografi, poeti, scultori e street artist e metterli in contatto con un pubblico consapevole e propositivo. Ad accogliere Esposiziometro e tutti gli artisti sarà l’Eppol Milano che, per tre settimane a partire da domenica 14 aprile, ospiterà le opere di diversi artisti. 

A fare da apripista, proprio nel giorno dell’inaugurazione, dalle 16:30 alle 21:30 ci saranno i lavori di Federico Ricotti. Classe 1992, Federico ha studiato illustrazione e si dedica alla realizzazione di dipinti caratterizzati da uno stile colorato e asciutto, minimal e diretto, che non permette interpretazioni personali.

In occasione del lancio noi abbiamo fatto due chiacchiere con Federico che ci ha parlato della sua arte. 

Raccontaci un po’ di te, della tua storia, del tuo background e cosa ti ha portato a dedicarti al mondo dell’arte. 

Inizialmente ho frequentato la scuola d’arte ad indirizzo grafico, però in questo corso erano presenti materie scientifiche per le quali io non sono mai stato portato, quindi decisi di cambiare scuola per dedicarmi esclusivamente alle materie artistiche. Successivamente, sono stato assistente fotografo per diverso tempo, ma questa esperienza mi ha subito annoiato e mi ha dato la spinta ad iscrivermi allo IED, dove mi sono laureato in Illustrazione. Non credo che quello che faccio sia esclusivamente collegato a ciò che ho studiato, è più un bisogno che si manifesta spontaneamente: non utilizzo tecniche particolari, quindi potrei benissimo non avere alcuna formazione accademica per fare ciò che faccio. Tramite l’arte esprimo le mie emozioni ed esterno ciò che sento, servendomi di una tela ed di un pennello.

I tuoi lavori sono caratterizzati da colori vivi e pop, cosa si cela dietro questa scelta? 

Credo che i colori siano spesso molto più importanti del disegno stesso, infatti la parte che mi impiega più tempo è proprio la scelta della tonalità giusta. Con questo non voglio sminuire tutto il resto, ma il colore dello sfondo è fondamentale ed io, personalmente, prediligo il rosa.

Nei tuoi artwork sembra esserci una ricerca stilistica naif e infantile. Come sei arrivato a questa semplificazione? 

Trovo inutile fare disegni intricati o iperrealistici, se vuoi trasmettere qualcosa o far provare emozioni allo spettatore, serve semplicità. Non servono mille ghirigori, ma basta veramente poco: alla fine, il modo in cui dipingo rispecchia il modo che ho di vedere la vita.

Domenica 14 aprile farai da apripista all’Esposiziometro, cosa troveranno gli spettatori che passeranno all’Eppol Milano?  

Coloro che guarderanno le mie opere troveranno una parte di me e di ciò che ho vissuto nella mia vita.

In occasione di Esposiziometro, Eppol Milano ospita le opere di Federico Ricotti
Art
In occasione di Esposiziometro, Eppol Milano ospita le opere di Federico Ricotti
In occasione di Esposiziometro, Eppol Milano ospita le opere di Federico Ricotti
1 · 12
2 · 12
3 · 12
4 · 12
5 · 12
6 · 12
7 · 12
8 · 12
9 · 12
10 · 12
11 · 12
12 · 12
È arrivato! Ecco il trailer ufficiale de Il Re Leone!

È arrivato! Ecco il trailer ufficiale de Il Re Leone!

Giulia Guido · 10 mesi fa · Art

Devi prendere il tuo posto nel cerchio della vita.

Quello de Il Re Leone non è un semplice remake, ma è il re dei remake, forse, da quando è stato annunciato il più atteso e non importa se la storia la conosciamo meglio delle nostre tasche, sappiamo già che ci farà piangere come quando abbiamo visto per la prima volta il film d’animazione del 1994.

Per questo, per noi grandi fan, il trailer è un piccolo capolavoro. Un video di due minuti che riesce, più di ogni altra cosa, a farci tornare bambini, a commuoverci e a farci scendere più di una lacrima. 

Bastano le note iniziali della colonna sonora a farci venie a pelle d’oca, per non parlare di quando vediamo i piccoli Simba e Nala, il perfido Scar e le iene e poi loro due, ebbene sì, Timon e Pumba. Ci sono proprio tutti! 

L’uscita nei cinema è prevista per il 19 luglio intanto guardate e riguardate il trailer ufficiale!

il re leone the lion king | Collater.al
il re leone the lion king | Collater.al
il re leone the lion king | Collater.al
il re leone the lion king | Collater.al
È arrivato! Ecco il trailer ufficiale de Il Re Leone!
Art
È arrivato! Ecco il trailer ufficiale de Il Re Leone!
È arrivato! Ecco il trailer ufficiale de Il Re Leone!
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
Altri articoli che consigliamo