Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith

avatar
10 Ottobre 2019

Il fotografo con base a Londra Cian Oba-Smith racconta le storie dei suoi soggetti, spesso dimenticati dalla società. Dai un'occhiata alla nostra gallery!

Cian Oba-Smith è un fotografo con sede a Londra che ha focalizzato la sua ricerca artistica sulla relazione tra i soggetti che ama immortalare e i loro luoghi d’appartenenza. Attraverso il suo stile sofisticato e mai artificiale, l’artista racconta le storie di coloro che vivono in comunità spesso dimenticate, come ad esempio i cavalieri afro-americani di Filadelfia e la comunità in rapido esaurimento di Tory Island.

Pur affermando di essere attratto da temi che lo riguardano personalmente, ha spesso scattato al di fuori del Regno Unito, in paesi lontani come la Cina, dove ha cercato di dare un risposta visuale a quelle che sono le problematiche sociali che connotano il mondo in cui viviamo.

“Penso che la difficoltà della cultura moderna sia che la fotografia viene diffusa e consumata a un ritmo così veloce che è difficile distinguere una storia reale da una costruita”.

Il dialogo con queste realtà è fondamentale per poter arrivare ad avere degli scatti di qualità, che vogliono sia essere belli da guardare, ma soprattutto interessanti da scoprire.

Dai un’occhiata al sito di Cian Oba-Smith qui.

Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al
Le storie nelle fotografie di Cian Oba-Smith | Collater.al

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share