Oscar 2020: tutti i vincitori

Oscar 2020: tutti i vincitori

Giulia Guido · 2 mesi fa · Art

Sarà che la cerimonia dell’anno scorso è stata molto più breve delle precedenti e che ha riscontrato il 12% di spettatori in più del solito, ma anche questa volta, per il secondo anno di seguito, gli Oscar si aprono senza un presentatore.

A dare inizio alla serata è, quindi, Janelle Monáe, accompagnata da Billy Porter, con un medley scoppiettante ovviamente a tema “film nominati”, ma anche “Black History Month”.

È Brad Pitt, invece, il primo a salire sul palco del Dolby Theater per ritirare l’ambita statuetta, seguito dalle categorie dedicate all’animazione che vedono vincere Toy Story 4 e il nostro amato Hair Love.

Il primo colpo di scena arriva subito, con Parasite che si porta a casa l’Oscar per la Miglior sceneggiatura originale. Spoiler: non è l’unico premio che il film sud coreano vincerà durante la serata.

Il secondo atto è dedicato ai documentari, soprattutto ai vincenti Made in USA – Una fabbrica in Ohio e Learning to Skateboard in a Warzone, ma anche alla categoria Miglior attrice non protagonista in cui trionfa la favorita Laura Dern per la sua performance in Storia di un matrimonio.

Eminem is in da House! Arriva a sorpresa, esattamente a metà serata il rapper premio Oscar nel 2003 con “Lose Yourself”, che risveglia talmente tanto la platea che a fine performance si alza in una meritatissima standing ovation.

La musica fa da padrona anche nella seconda parte della serata, in cui si alternano le esibizioni degli artisti nominati nella categoria Miglior canzone e i cosiddetti premi tecnici, dal montaggio al sound editing, dagli affetti speciali al trucco che vedono primeggiare in egual modo 1917 e Ford vs Ferrari.

Solo dopo le prime due ore arriva la prima statuetta per Joker, neanche troppo inaspettatamente, per la Migliore colonna sonora curata dalla compositrice islandese Hildur Guðnadóttir; mentre è l’indissolubile coppia Elton John-Bernie Taupin a ritirare il premio per la Miglior canzone.

Dopo essere salito sul palco per ritirare l’Oscar per Miglior film straniero, Bon Joon Ho è costretto a rialzarsi dalla sedia per ritirare anche quello per la Migliore regia, strappandolo letteralmente dalle mani di Sam Mendes, Todd Philips, Martin Scorsese e Quentin Tarantino.

Dopo questi colpi di scena e soprattutto dopo il momento In Memoriam che primo tra tutti ha omaggiato Kobe Bryant, arrivano a ripristinare l’ordine i favoriti Joaquin Phoenix che ipnotizza la platea e tutti gli spettatori con un discorso che si è concluso con le parole di suo fratello River, morto a 23 anni, e Renée Zellweger.

Infine, dulcis in fundo, è Parasite ad aggiudicarsi l’ultima statuetta, quella per Miglior film, diventando il vero vincitore di questi Oscar 2020 ed entrando di diritto nella storia del cinema.

Scopri tutti i vincitori qui sotto!

Miglior film
– Parasite
– 1917- C’era una volta a… Hollywood
– The Irishman
– Jojo Rabbit
– Joker
– Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
– Piccole donne 
– Storia di un matrimonio 

Migliore regia
– Bong Joon-ho – Parasite 
– Sam Mendes – 1917
– Todd Phillips – Joker
– Martin Scorsese – The Irishman
– Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood 

Migliore attore protagonista
– Joaquin Phoenix – Joker
– Antonio Banderas – Dolor y gloria
– Leonardo DiCaprio – C’era una volta a… Hollywood 
– Adam Driver – Storia di un matrimonio 
– Jonathan Pryce – I due papi 

Migliore attrice protagonista
– Renée Zellweger – Judy
– Cynthia Erivo – Harriet
– Scarlett Johansson – Storia di un matrimonio 
– Saoirse Ronan – Piccole donne
– Charlize Theron – Bombshell – La voce dello scandalo

Migliore attore non protagonista
– Brad Pitt – C’era una volta a… Hollywood 
– Tom Hanks – Un amico straordinario
– Anthony Hopkins – I due papi
– Al Pacino – The Irishman
– Joe Pesci – The Irishman

Migliore attrice non protagonista
– Laura Dern – Storia di un matrimonio
– Kathy Bates – Richard Jewell 
– Scarlett Johansson – Jojo Rabbit
– Florence Pugh – Piccole donne 
– Margot Robbie – Bombshell – La voce dello scandalo

Migliore sceneggiatura originale
– Bong Joon-ho e Han Jin-won – Parasite 
– Noah Baumbach – Storia di un matrimonio
– Rian Johnson – Cena con delitto – Knives Out
– Sam Mendes e Krysty Wilson-Cairns – 1917
– Quentin Tarantino – C’era una volta a… Hollywood 

Migliore sceneggiatura non originale
– Taika Waititi – Jojo Rabbit
– Greta Gerwig – Piccole donne 
– Anthony McCarten – I due papi
– Todd Phillips e Scott Silver – Joker
– Steven Zaillian – The Irishman

Miglior film internazionale
– Parasite, regia di Bong Joon-ho (Corea del Sud)
– Boże Ciało, regia di Jan Komasa (Polonia)
– Dolor y gloria, regia di Pedro Almodóvar (Spagna)
– Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov (Macedonia del Nord)
– Les Misérables, regia di Ladj Ly (Francia)

Miglior film d’animazione
– Toy Story 4
– Dov’è il mio corpo?
– Dragon Trainer – Il mondo nascosto
– Klaus – I segreti del Natale 
– Missing Link

Migliore fotografia
– Roger Deakins – 1917
– Jarin Blaschke – The Lighthouse
– Rodrigo Prieto – The Irishman
– Robert Richardson – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
– Lawrence Sher – Joker

Migliore scenografia
– Barbara Ling e Nancy Haigh – C’era una volta a… Hollywood 
– Dennis Gassner e Lee Sandales – 1917
– Lee Ha-jun e Cho Won-woo – Parasite 
– Bob Shaw e Regina Graves – The Irishman
– Ra Vincent e Nora Sopková – Jojo Rabbit

Miglior montaggio
– Andrew Buckland e Michael McCusker – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
– Tom Eagles – Jojo Rabbit
– Jeff Groth – Joker
– Thelma Schoonmaker – The Irishman
– Yang Jin-mo – Parasite 

Migliori effetti speciali
– Greg Butler, Dominic Tuohy e Guillaume Rocheron – 1917
– Matt Aitken, Dan DeLeeuw, Russell Earl e Daniel Sudick – Avengers: Endgame
– Leandro Estebecorena, Nelson Sepulveda-Fauser e Stephane Grabli e Pablo Helman – The Irishman
– Roger Guyett, Neal Scanlan, Patrick Tubach e Dominic Tuohy – Star Wars: L’ascesa di Skywalker
– Andrew R. Jones, Robert Legato, Elliot Newman e Adam Valdez – Il re leone 

Migliore colonna sonora
– Hildur Guðnadóttir – Joker
– Alexandre Desplat – Piccole donne 
– Randy Newman – Storia di un matrimonio 
– Thomas Newman – 1917
– John Williams – Star Wars: L’ascesa di Skywalker 

Migliore canzone
– (I’m Gonna) Love Me Again (Elton John, Bernie Taupin) – Rocketman
– I Can’t Let You Throw Yourself Away (Randy Newman) – Toy Story 4
– I’m Standing With You (Diane Warren) – Atto di fede 
– Into the Unknown (Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez) – Frozen II – Il segreto di Arendelle (Frozen II)
– Stand Up (Joshuah Brian Campbell, Cynthia Erivo) – Harriet

Miglior sonoro
– Mark Taylor e Stuart Wilson – 1917
– David Giammarco, Paul Massey e Steven A. Morrow – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
– Tom Johnson, Gary Rydstrom e Mark Ulano – Ad Astra
– Todd Maitland, Tom Ozanich e Dean Zupancic – Joker
– Christian P. Minkler, Michael Minkler e Mark Ulano – C’era una volta a… Hollywood

Miglior montaggio sonoro
– Donald Sylvester – Le Mans ’66 – La grande sfida (Ford v Ferrari)
– David Acord e Matthew Wood – Star Wars: L’ascesa di Skywalker (Star Wars: The Rise of Skywalker)
– Alan Robert Murray – Joker
– Wylie Stateman – C’era una volta a… Hollywood (Once Upon a Time… in Hollywood)
– Oliver Tarney e Rachael Tate – 1917

Migliori costumi
– Jacqueline Durran – Piccole donne
– Mark Bridges – Joker
– Arianne Phillips – C’era una volta a… Hollywood
– Sandy Powell e Christopher Peterson – The Irishman
– Mayes C. Rubeo – Jojo Rabbit

Miglior trucco e acconciatura
– Vivian Baker, Anne Morgan e Kazuhiro Tsuji – Bombshell
– La voce dello scandalo
– Rebecca Cole, Naomi Donne e Tristan Versluis – 1917
– Kay Georgiou e Nicki Ledermann – Joker
– Paul Gooch, Arjen Tuiten e David White – Maleficent – Signora del male 
– Jeremy Woodhead – Judy

Miglior documentario
– Made in USA – Una fabbrica in Ohio, regia di Steven Bognar e Julia Reichert
– Alla mia piccola Sama, regia di Waad al-Kateab ed Edward Watts
– The Cave, regia di Feras Fayyad
– Edge of Democracy – Democrazia al limite, regia di Petra Costa
– Medena zemja, regia di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov

Miglior cortometraggio documentario
– Learning to Skateboard in a Warzone, regia di Carol Dysinger
– In the Absence, regia di Yi Seung-jun
– Life Overtakes Me, regia di Kristine Samuelson e John Haptas
– St. Louis Superman, regia di Smriti Mundhra e Sami Khan
– Walk Run Cha-Cha, regia di Laura Nix

Miglior cortometraggio
– The Neighbors’ Window, regia di Marshall Curry
– Ikhwène, regia di Meryam Joobeur
– Nefta Football Club, regia di Yves Piat
– Saria, regia di Bryan Buckley
– Une sœur, regia di Delphine Girard

Miglior cortometraggio d’animazione
– Hair Love, regia di Bruce W. Smith, Matthew A. Cherry e Everett Downing Jr.
– Dcera, regia di Daria Kashcheeva
Kitbull, regia di Rosana Sullivan
– Mémorable, regia di Bruno Collet
– Sister, regia di Siqi Song

Oscar 2020: tutti i vincitori
Art
Oscar 2020: tutti i vincitori
Oscar 2020: tutti i vincitori
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
“The great empty” visto dal New York Times

“The great empty” visto dal New York Times

Emanuele D'Angelo · 1 settimana fa · Photography

Da Parigi a New York, passando per Monaco, Los Angeles, Hong Kong, Pechino, Milano e Nuova Delhi, il nuovo progetto del New York Times, racconta il lockdown causato dal covid-19 nel progetto “The great empty”.
Sempre più paesi sono costretti ad adottare restrizioni di uscita più o meno severe per combattere la pandemia. Mentre paesi come l’Italia hanno adottato regole di contenimento totale, altre nazioni hanno finora “semplicemente” chiuso alcune aree. Tutto il mondo vive un’atmosfera irreale, i luoghi pubblici vengono abbandonati dalla gente e i supermercati presi d’assalto.

Il New York Times presenta al meglio il suo progetto: “Questo vuoto attuale è una necessità sanitaria. Può far pensare alla distopia, non al progresso. Ma alla fine conferma anche che, ascoltando gli esperti e restando a casa, non abbiamo perso la nostra capacità di unirci per il bene collettivo. Queste immagini ti perseguitano e ti perseguiteranno, sembrano film apocalittici, ma in un certo senso trasmettono anche un messaggio di speranza”.

Il progetto del New York Times contempla il vuoto creato dall’isolamento in luoghi solitamente affollati, caotici, pieni di gente. Un modo per illustrare e ricordare il cambiamento radicale delle nostre abitudini in questi tempi di crisi sanitaria globale. 
Dai luoghi turistici ai piccoli ristoranti tipici, è l’assenza di vita a sconvolgere questi posti comuni, ognuno più suggestivo dell’altro.

Scatti che racontano il silenzio di tante città, con l’auspicio che si possa tornare più in fretta possibile alla vita di tutti i giorni.

“The great empty” visto dal New York Times
Photography
“The great empty” visto dal New York Times
“The great empty” visto dal New York Times
1 · 18
2 · 18
3 · 18
4 · 18
5 · 18
6 · 18
7 · 18
8 · 18
9 · 18
10 · 18
11 · 18
12 · 18
13 · 18
14 · 18
15 · 18
16 · 18
17 · 18
18 · 18
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan

L’atmosfera magica negli scatti di Nguan

Giulia Guido · 1 settimana fa · Photography

Non è la prima volta che parliamo di Nguan, precedentemente avevamo dedicato un articolo al suo progetto che cercava di mostrare il concetto di globalizzazione attraverso immagini scattate tra le strade di città piene di gente. 

Ora torniamo a parlare di Nguan perché da allora abbiamo continuato a seguirlo e i suoi nuovi lavori meritano ulteriore spazio. 

Tra i suoi progetti che maggiormente ci hanno colpito spicca City of Dreams, una serie fotografica realizzata a Los Angeles, per antonomasia città dove le persone si recano per realizzare i propri sogni. Sfortunatamente non tutti ce la fanno e a volte la capitale dell’industria cinematografica e dell’intrattenimento nasconde angoli in cui i sogni sono morti, evanescenti e perduti. 

Ma se vi prendete il tempo di fare un giro anche sul profilo Instagram scoprirete un Nguan diverso che ci offre scorci di città quasi onirici, illuminati dalla luce di un tramonto che rende sempre tutto più bello. Tra i tanti scatti, qui sotto puoi trovare una selezione di fotografie realizzate all’interno di un traghetto, dove il tempo sembra sospeso e le persone aspettano, annoiate, di arrivare a destinazione. 

Quello di Nguan è un mondo delicato, che ci circonda ma spesso non siamo in grado di vedere. 

L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
Photography
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
L’atmosfera magica negli scatti di Nguan
1 · 27
2 · 27
3 · 27
4 · 27
5 · 27
6 · 27
7 · 27
8 · 27
9 · 27
10 · 27
11 · 27
12 · 27
13 · 27
14 · 27
15 · 27
16 · 27
17 · 27
18 · 27
19 · 27
20 · 27
21 · 27
22 · 27
23 · 27
24 · 27
25 · 27
26 · 27
27 · 27
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton

Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton

Giulia Guido · 6 giorni fa · Photography

Da sempre lo still life ci fa immediatamente pensare a qualcosa di statico e distaccato. In fondo cosa ci aspettiamo da un genere che in italiano prende il nome di natura morta. Riuscire a trasformarlo in qualcosa di movimentato e coinvolgente è impresa quasi impossibile, ma qualcuno ci è riuscito. 

Michael Crichton, nome dietro al quale si nasconde anche quello della sua partner creativa Leigh MacMillan, ha completamente rivoluzionato il concetto di still life con i suoi scatti che catturano del cibo, come in ogni natura morta che vuole farsi rispettare, ma sotto una veste totalmente diversa. Vi basterà dare una veloce occhiata a progetti come Conceptual Food per capire che, al contrario di quel che abbiamo sempre pensato, lo still life è un genere che non conosce limiti. 

Dimenticatevi le tavole perfettamente imbandite, le ceste di frutta e gli alimenti posizionati a favore di spettatore. Il cibo fotografato da Michael Crichton vola da una parte all’altra della stanza, sospeso in aria appena prima che atterri pietosamente al suolo. Le uniche cose che rimangono sul tavolo sono le ombre di fette di pane, di tazze di caffè, di uova o di senape. 

L’aspetto impressionante degli scatti di Michael Crichton è che, nonostante il grande lavoro in post produzione, ogni singolo cibo che vediamo è stato realmente lanciato davanti all’obiettivo della macchina fotografia, non una, non due ma infinite volte prima di arrivare al risultato perfetto, talmente perfetto che fatichiamo a credere ai nostri occhi. 

Oltre a essere esteticamente soddisfacente, il risultato raggiunto da Michael Crichton è risultato a McDonald’s, Nutella o Kellogg’s un nuovo modo, divertente e dinamico, di presentare un prodotto. 

Pronti a vedere l’ordinario trasformarsi in straordinario?!

PH: Michael Crichton Photo

Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
Photography
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
Conceptual Food, la serie fotografica di Michael Crichton
1 · 13
2 · 13
3 · 13
4 · 13
5 · 13
6 · 13
7 · 13
8 · 13
9 · 13
10 · 13
11 · 13
12 · 13
13 · 13
La libertà senza veli degli scatti di Birdee

La libertà senza veli degli scatti di Birdee

Giulia Guido · 5 giorni fa · Photography

Blackbird fly, blackbird fly / Into the light of the dark black night, cantavano i Beatles più di cinquant’anni fa, ed è proprio questa canzone, e il suo messaggio di libertà, a ispirare Jamie Johnson nella scelta di quello che oggi è il suo nome d’arte, Birdee.

Birdee scatta dal 2014, quando ha iniziato con degli autoritratti. Oggi le sue fotografie realizzate principalmente in analogico riescono ad analizzare i temi della femminilità, della forza e della grazia. 

Le giovani ragazze protagoniste dei suoi scatti sono belle, spensierate, sospese ma non per questo non sono decise e tenaci. Inoltre, il fatto di non mostrare quasi mai i loro corpi per intero e di nascondere spesso i volti ci aiuta a immedesimarci in loro. Non sono nessuno, quindi possono essere chiunque, anche noi stesse. 

Scorrendo il sito di Birdee o il suo profilo Instagram, noterete che oltre alle figure femminili c’è anche un altro elemento che torna sempre nei suoi scatti, avvero l’acqua. Sembra quasi che i copri aggraziati delle ragazze che scatta si trasformino a contatto con le onde del mare o di una piscina. Le piccole bollicine che accarezzano la pelle donano luce e vita alle immagini. 

Scopri una selezione delle fotografie di Birdee qui sotto. 

La libertà senza veli degli scatti di Birdee
Photography
La libertà senza veli degli scatti di Birdee
La libertà senza veli degli scatti di Birdee
1 · 14
2 · 14
3 · 14
4 · 14
5 · 14
6 · 14
7 · 14
8 · 14
9 · 14
10 · 14
11 · 14
12 · 14
13 · 14
14 · 14