I dipinti rabbiosi di Paolo Troilo

Nastasia Felici · 7 anni fa

L’’autoritratto è una delle migliori forme d’introspezione. Disegnare il proprio volto, il proprio corpo, può far capire molto di come ci sentiamo, come ci vediamo, come ci percepiamo e come ci mostriamo agli altri.

Paolo Troilo, nato a Taranto nel 1972, disegna se stesso, un se stesso urlante e lacerato, arrabbiato e disperato, e nei disegni mette a tal punto il suo corpo, da preferire le mani ai pennelli. Con le dita sparge sulla tela chiazze bicromatiche che danno vita a queste esplosioni vagamente acquose eppure così virili.

Questa figurazione densa e materica si concentra ad analizzare alcune fattezze del volto rese deformi, contorte e sfibrate da urla e grida, che intensificano l’irruenza di sentimenti e pulsioni. Paolo si presenta al mondo, come un uomo forte, ma disperato che sembra sfogare la sua frustrazione nella pittura. Anche l’acqua, quando esplode, distrugge.

I dipinti rabbiosi di Paolo Troilo
Art
I dipinti rabbiosi di Paolo Troilo
I dipinti rabbiosi di Paolo Troilo
1 · 28
2 · 28
3 · 28
4 · 28
5 · 28
6 · 28
7 · 28
8 · 28
9 · 28
10 · 28
11 · 28
12 · 28
13 · 28
14 · 28
15 · 28
16 · 28
17 · 28
18 · 28
19 · 28
20 · 28
21 · 28
22 · 28
23 · 28
24 · 28
25 · 28
26 · 28
27 · 28
28 · 28