Back To Wild, il nuovo cortometraggio animato di WWF

Il 2020 sta per finire. Che anno strano vero? Avete mai pensato come sarà raccontarlo ai vostri nipoti? Se questa è una domanda che non vi siete mai fatti ci pensa la nuova campagna Back To Wild di WWF a darvi una possibile rappresentazione del futuro.

Il 2020 è stato un anno infelice, difficile e tragico, pieno di sfide, distanze e perdite. Il COVID-19 ha costretto molti a separarsi da amici e familiari, ha imposto delle regole disumane e peggiorato le condizioni di vita di tutti. La pandemia ha inaugurato una nuova crisi globale, sociale ed economica, siamo stati privati della nostra libertà e ne abbiamo capito l’importanza troppo tardi.
Se pensiamo al passato troviamo sempre un po’ di fiducia, ma se guardiamo al futuro capiamo che potrebbe non esserci mai limite al peggio. Allora, esiste una soluzione per questo?

WWF prova a darci speranza con Back To Wild, la nuova campagna realizzata da Lung Animation, uno studio di animazione sudafricano di Città del Capo. Immaginando il racconto futuro di una nonna alla nipote, WWF cerca di muovere la coscienza di tutti, spiega l’attuale crisi ambientale e spinge tutti al cambiamento.

Il COVID-19 è la conseguenza dell’incessante distruzione del mondo animale e della frammentazione degli ambienti naturali ed è il prezzo da pagare per l’eccessivo sfruttamento delle risorse del pianeta. L’unico rimedio per il futuro è cambiare comportamento nel presente: bisogna cercare di tornare alle origini, rispettare la natura, proteggere la fauna selvatica, le foreste, i fiumi e gli oceani. È arrivato il momento di rendere libero, sano e selvaggio il Pianeta, iniziare a rispettarlo e conservarlo.

Lo spot animato Back To Wild accompagna la campagna di raccolta fondi For Nature For Us. Informati, guarda il cortometraggio e condividilo con tutti utilizzando l’hashtag #4Nature4Us.

 

Articolo di Federica Cimorelli

Back To Wild, il nuovo cortometraggio animato di WWF
Close