L’estetica folle del fotografo Viacheslav Poliakov

avatar
7 Maggio 2019

Viacheslav Poliakov, attraverso la sua estetica colorata e bizzarra, reinterpreta la realtà che lo circonda. Scopri adesso di che si tratta!

Viacheslav Poliakov è un fotografo ucraino interessato agli spazi pubblici di piccole città di provincia, l’artista sembra avere infatti una vera e propria ossessione per gli oggetti e le strutture bizzarre. Come lui stesso afferma:

“Ci può essere una fabbrica sovietica abbandonata usata come pascolo accanto al castello medievale trasformato in magazzino, che a sua volta sarà circondata da un mercato fatto di plastica lucida e colorata, con una chiesa dorata a sinistra e un’area vuota fatta di fango e pozzanghere a destra”.

Il complesso passato storico e culturale della zona, fatto di leggi superate, burocrazia e infiltrazioni mafiose delle amministrazioni, ha posto in secondo piano la riparazione degli edifici e delle infrastrutture sovietiche, portando i cittadini a fare tutto il possibile per migliorare lo stato delle loro strade e dei loro giardini. Il risultato è il caos più totale, che ispira e diverte Viacheslav.

“Una sottocultura visiva ingenua che coinvolge lo spazio pubblico si è diffusa in tutta l’Ucraina dopo la caduta dell’Unione Sovietica e la successiva espansione della globalizzazione”.

Così negli scatti dell’artista ci ritroviamo davanti a sculture di unicorni realizzate con vecchi pneumatici e pezzi di una recinzione: insomma è la creatività della gente comune che questa serie mira a catturare.

Ciò che sembra nascere per errore, diventa l’attrazione principale, il soggetto prediletto dall’artista, che attraverso il caos mette ordine, donando al pubblico una nuova chiave di lettura della realtà.

Newsletter

Keep up to date!
Receive the latest news about art, music, design, creativity and street culture.
Share