Art Il segreto di Liberato tra documentario ed estetica anime
Artillustrationmusic

Il segreto di Liberato tra documentario ed estetica anime

Giorgia Massari
liberato

Sono tantissimi i contrasti senz’altro stranianti, ma allo stesso tempo geniali dell’ultimo videoclip di Liberato. Dai Daft Punk a Pino Daniele, dai manga ai personaggi della cultura popolare. Tutto inserito nel contesto di Napoli ma con un’estetica giapponese, così come i sottotitoli che, in tutta sincerità, sarebbero stati utili anche in italiano per chi non mastica troppo bene il dialetto napoletano. In ogni caso, l’aspetto più interessante per noi è stata la regia delle animazioni, diretta da Lorenzo Ceccotti in arte LRNZ, fumettista e illustratore che ha rappresentato con il suo stile inconfondibile la storia di Liberato e Lucia. Ovviamente non poteva che non uscire ieri 9 maggio, data che tutti i fan di Liberato aspettano ogni anno con molta hype. Anche quest’anno non sono stati delusi, anzi più che sorpresi. Non solo un nuovo singolo – LUCIA (stay with me) -, non solo un videoclip. Questa nuova canzone, che parla d’amore e di difficoltà di carriera in un ambiente non troppo favorevole, è anche il trailer del nuovo film Il segreto di Liberato diretto da Francesco Lettieri, Giorgio Testi, Giuseppe Squillaci e LRNZ, appena uscito in tutte le sale.

Insomma, senza fare troppi spoiler il nuovo film di Liberato parla di Napoli ma con un’estetica che guarda agli anime e alla cultura pop. Tutti elementi che lo rendono super contemporaneo e attuale, riflettendo una situazione molto comune in Italia – e non solo – legata al lavoro e alla creatività. I due protagonisti, Liberato e Lucia, provano a emergere come artisti in un contesto socio-economico che pone davanti a loro tantissimi ostacoli, portandoli addirittura ad andarsene per poi però tornare, consapevoli che Napoli è l’unico posto che possono chiamare casa. Tanti sono i dettagli svelati su Liberato e sul suo percorso artistico, tutto meno che la sua identità che ancora una volta rimane un mistero, rigorosamente dietro il cappuccio e il ciuffo che LRNZ usa per nascondere il suo volto anche in versione animata.

Artillustrationmusic
Scritto da Giorgia Massari
x
Ascolta su