Photography Megan K Eagles, la fotografa che spoglia i pregiudizi
Photographyphotography

Megan K Eagles, la fotografa che spoglia i pregiudizi

-
Emanuele D'Angelo
Megan K Eagles | Collater.al

Megan K Eagles è un’esperta ricercatrice visiva con una vasta conoscenza e competenza in materia di fotografia, cinema, arte e graphic design.
Una donna encomiabile, superba con il suo obiettivo fotografico, dai suoi scatti riesce a cogliere dettagli impossibili da vedere ad occhio nudo.
Negli ultimi anni, ha abbandonato ogni lavoro e oggi è una freelance che vanta numerose collaborazioni con Vogue Italia, Thiiird magazine e molti altri.

Nei suoi progetti, specialmente negli ultimi ha partecipato a lavori che elogiano fortemente le donne. Storie di ragazze forti, che non hanno paura, emancipate. Alcune sono ispirate alle sottoculture femminili e ai gruppi di motocicliste, integra e fa riferimento ad aspetti di Riot Grrl, Punk e porno.

Ma non si ferma qui, uno dei suoi temi principali è senza dubbio l’esaltazione della sensualità femminile intesa non come mera volgarità pornografica bensì come grazia e naturalezza che ogni donna ha insita dentro di lei.
I suoi set fotografici sono giochi di specchi, colori, candele e luci soffuse che rendono le sue foto semplice poesia.
Mai di cattivo gusto, come detto fonda la sua fotografia molto sull’empowerment femminile in cui le donne guidano, possiedono se stesse e la loro sessualità.
La sessualità nei suoi editoriali, in particolare in “Cat rider”, nega a detta di molti addetti ai lavori, uno sguardo maschile tradizionale e abbraccia uno femminile in cui la passione viene con il potere. 

In “Babes with power” Megan K Eagles conferma ancora la sua tendenza, rompendo i classici tabù e fotografando alcune modelle completamente nude.
La fotografa in questa stupenda serie di scatti analogici riesce a raccontare sia Soho, una città in continua evoluzione, sia ad esplorare come sempre a 360° la sensualità femminile, ispirata ad un’estetica senza dubbio da B-movie degli anni 70’.

Photographyphotography
Scritto da Emanuele D'Angelo
x
Ascolta su