La street art minimalista di Pejac

La street art minimalista di Pejac

Emanuele D'Angelo · 1 settimana fa · Art

Pejac è lo pseudonimo di uno street artist nato e cresciuto in Spagna, che ha iniziato un po’ per gioco un po’ per rivolta a realizzare artwork per le strade di tutto il mondo. Infastidito dalla generale concezione accademica che si respira nel mondo dell’arte, ha fatto conoscere la parte più intima di sé e la sua personale espressione a tutte quelle persone che non possono o non vogliono visitare i musei.

L’artista originario di Barcellona ormai famoso in tutto il mondo replica grandi capolavori classici in chiave moderna, ma non solo, la sua arte minimalista varia da disegni in miniatura a suggestivi interventi site-specific.
Pejac abbellisce abilmente gli spazi pubblici, ma con i suoi lavori vuole fornire delle attente riflessioni sui temi attuali, come questioni sociali e ambientali. 

Il suo stile si è ovviamente evoluto nel tempo, diventando sempre più lineare e semplice.
È stato più volte paragonato al suo celebre collega Banksy, per il modo di concepire i suoi artwork, grazie alla sua grande capacità di immaginazione è in grado di creare dei personaggi e paesaggi carichi di verità nascoste per coloro che sanno spingersi oltre l’immagine.

Per imporsi nel panorama della street art mondiale, Pejac utilizza solamente pennelli sottili e vernice invece che il tradizionale spray, nei i suoi murales inoltre i colori dei soggetti sono sempre marginali, mentre le sagome nere si ripetono sempre su un fondo chiaro.
Una tecnica del tutto alternativa che lo differenzia dalla gran parte degli street artist, approccio che vale anche per la sua tecnica, Pejac cerca sempre di andare controcorrente grazie alla sua capacità di nascondere sempre un messaggio, un concetto dietro i suoi personaggi che rimangono sempre anonimi e sfuggenti come ombre.

La street art minimalista di Pejac
Art
La street art minimalista di Pejac
La street art minimalista di Pejac
1 · 10
2 · 10
3 · 10
4 · 10
5 · 10
6 · 10
7 · 10
8 · 10
9 · 10
10 · 10
Il graffito di Banksy per San Valentino a Bristol

Il graffito di Banksy per San Valentino a Bristol

Giulia Pacciardi · 1 settimana fa · Art

Questa notte su un muro di Bristol, in particolare su un edificio della zona di Barton Hill, è apparso un nuovo graffito di Banksy subito rivendicato dall’artista tramite il suo profilo Instagram.

Si tratta di un lavoro apparentemente ispirato e dedicato al giorno degli innamorati, l’amato e criticato San Valentino che si festeggia proprio oggi.
Il murale rappresenta una bambina che con una fionda colpisce quello che potrebbe essere Cupido, il dio dell’amore secondo la mitologia greca.

Quest’ultimo, una volta colpito dal sasso lanciato dalla piccola protagonista, esplode creando una grossa macchia rossa fatta di foglie e fiori di plastica rossa, forse la rappresentazione di un cuore spezzato.

Sicuramente non l’immagine perfetta per chi oggi non voleva far altro che celebrare l’amore senza pensare all’altra metà, ai cuori che si spezzano e le lacrime che si versano.

Il graffito di Banksy per San Valentino a Bristol
Art
Il graffito di Banksy per San Valentino a Bristol
Il graffito di Banksy per San Valentino a Bristol
1 · 4
2 · 4
3 · 4
4 · 4
The Turning Point, una nuova visione del cambiamento climatico

The Turning Point, una nuova visione del cambiamento climatico

Giulia Guido · 1 settimana fa · Art

The Turning Point analizza il cambiamento climatico, la distruzione dell’ambiente e le specie in via d’estinzione da un punto di vista differente. 

Così cita la descrizione ufficiale di The Turning Point il video, uscito il mese scorso, realizzato dall’illustratore e artista inglese Steve Cutts per l’omonima canzone dei Wantaways. 

Da sempre, Steve Cutts riesce a trattare tematiche legate all’attualità, come aveva già fatto due anni fa con il videoclip Are you lost in the world like me? di Moby. Questa volta, il suo lavoro è completamente incentrato sul cambiamento climatico, ma come già preannunciato la sua visione è completamente rivoluzionaria. 

In pratica, quello immaginato da Steve è un mondo in cui i ruoli tra animali e uomini sono ribaltati e quindi i primi vanno in giro in automobile, mangiano in ristoranti e ordinano online, mentre i secondi vivono su spiagge fatte di plastica, muoiono soffocati da bottiglie e travolti da litri e litri di petrolio. 

Ciò che non cambia dalla realtà è il futuro della Terra, destinata in ogni caso a morire, distrutta dalle azioni dei suoi abitanti. 

The Turning Point, una nuova visione del cambiamento climatico
Art
The Turning Point, una nuova visione del cambiamento climatico
The Turning Point, una nuova visione del cambiamento climatico
1 · 2
2 · 2
Stranger Things 4, il teaser trailer

Stranger Things 4, il teaser trailer

Giulia Guido · 1 settimana fa · Art

Jim Hopper è vivo!
Era la notizia che stavamo aspettando dalla fine della terza stagione e ora, finalemente è arrivata la conferma da Netflix che ha rilasciato il teaser trailer di Stranger Things 4.

Riprendendo il celebre titolo del quinto libro della saga di 007 firmato da Ian Fleming, il video si chiama Dalla Russia con amore… e ci mostra un gruppo di minatori che lavorano, probabilmente, alla costruzione di una linea ferroviaria, quando la ripresa chiude su uno di essi che svela il suo volto: Jim Hopper!

Per ora è tutto quello che sappiamo, dato che non è ancora stata annunciata una data d’uscita.

Guarda il teaser trailer di Stranger Things 4 qui sotto!

Stranger Things 4, il teaser trailer
Art
Stranger Things 4, il teaser trailer
Stranger Things 4, il teaser trailer
1 · 1
San Valentino: i tre migliori spot di quest’anno

San Valentino: i tre migliori spot di quest’anno

Giulia Guido · 1 settimana fa · Art

Per molti il 14 febbraio vuol dire cena a lume di candela, cioccolatini e rose rosse, ma per molti altri vuol dire pubblicità. San Valentino, con Natale e il weekend del Super Bowl, è una di quelle date che i brand di tutto il mondo cerchiano in rosso sul calendario, perché quali occasioni migliori di queste per lanciare una nuova e vincente pubblicità. 

Per la festa degli innamorati ne sono uscite a decine, ma questa volta abbiamo deciso di proporvene solo tre, i nostri preferiti. 

Lacta – See The Love 

Il primo posto se lo aggiudica “See The Love”, lo spot di Lacta, un’azienda greca che produce cioccolato. In sottofondo suonano lo note di Everybody’s Gotta Learn Sometime e sullo schermo diverse scene in cui l’amore, in tutte le sue forme, sembra incontrare tutti gli ostacoli possibili immaginabili. Ma a volte basta semplicemente andare oltre gli stereotipi. 

Burger King India – #LonelyNoMore 

Ancora una volta Burger King prende di mira McDonald’s per realizzare uno spot, anzi un’intera campagna geniale. Per questo San Valentino, Burger King India ha deciso fare qualcosa di speciale per la persona più sola che conoscono, Ronald McDonald

Play Station – Feel the power 

Dimenticatevi del romanticismo, delle storie strappalacrime e dei gesti plateali. Play Station punta tutto su altro, proprio come dice lo slogan del video “Feel more than love this Valentine’s”. Nello spot vediamo una squadra speciale addentrarsi in tunnel sotterranei per poi ritrovarsi in un enorme standone pieno di veri e propri cuori pulsanti, ciascuno dei quali è attaccato a una console. 

San Valentino: i tre migliori spot di quest’anno
Art
San Valentino: i tre migliori spot di quest’anno
San Valentino: i tre migliori spot di quest’anno
1 · 1